LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Lega duramente contestata in piazza Alberica: intervengono le forze dell’ordine

Nel centro di Carrara un gruppo di manifestanti ha preso di mira il gazebo del Carroccio. Pieruccini: «Squadracce antidemocratiche». Solidarietà da Forza Italia e Fratelli d'Italia

Più informazioni su

«Un manipolo di contromanifestanti voleva attaccare briga e passare alle vie di fatto buttando letteralmente all’aria il gazebo, al coro “fuori la Lega da Carrara”». È il racconto di Riccardo Bruschi, coordinatore comunale di Carrara di Forza Italia, che interviene per inviare solidarietà alla Lega che ieri, mentre si trovava in piazza per raccogliere le firme contro cartelle esattoriali, vitalizi e immigrazione clandestina, è stata duramente contestata con offese pesanti.

«Urlavano slogan, offese, bestemmie e frasi sessiste alle nostre donne» ha dichiarato Nicola Pieruccini, coordinatore comunale della Lega. «Noi non abbiamo ceduto a queste intimidazioni e abbiamo portato a buon fine tutto il nostro programma. Una cosa vi prometto: non ci lasceremo scoraggiare e non permetterò che il centro storico della mia città venga ghettizzato da certi personaggi. La Lega è un partito democratico che ha tutto il diritto di promuovere i propri valori e i propri candidati sul territorio. L’unica cosa che ha ricordato le squadracce antidemocratiche è il comportamento di questi facinorosi democratici. Colgo l’occasione per ringraziare le forze dell’ordine che hanno impedito che la situazione degenerasse».

«Voglio esprimere la dovuta solidarietà – ha dichiarato Bruschi – agli amici della Lega, vittime di un grave episodio nel centro storico di Carrara. Mi sono recato in piazza Alberica per un saluto al loro gazebo di raccolta firme, ma ho assistito ad una scena già vissuta sulla mia pelle quando a Pisa organizzavo eventi di “studenti per le liberta”: un manipolo di contromanifestanti voleva attaccare briga e passare alle vie di fatto buttando letteralmente all’aria il gazebo, al coro “fuori la Lega da Carrara”. Solamente la presenza costante e l’esperienza delle forze dell’ordine ha contenuto gli assalti continui di questi soggetti. E’ una vergogna che nel nostro Paese e soprattutto nella nostra città venga messa cosi duramente alla prova la libertà di pensiero, sancita dall’articolo 19 nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, che resta comunque in tal modo gravemente intimidita nel nostro centro cittadino. La Lega è attualmente il partito italiano di maggior consenso, democratico e moderato, e gli fa onore aver organizzato un evento ed aver aperto una sede in centro storico proprio a valorizzare lo stesso. Ci auspichiamo che tutte le forze politiche condannino questo gesto, sarebbe grave non farlo girandosi dall’altra parte».

E solidarietà alla Lega è arrivata anche da Fratelli d’Italia: «Persone antidemocratiche, figlie di un’ideologia retrograda – ha commentato Lorenzo Baruzzo – hanno inscenato azioni di disturbo nei confronti dei militanti della Lega che stavano raccogliendo firme, regolarmente autorizzati, contro il governo Conte. Probabilmente sono i soliti personaggi che tre anni fa volevano impedire a Giorgia Meloni, sempre in piazza Alberica, di esprimere il proprio pensiero ma furono sbeffeggiati dal nostro presidente con un divertente selfie che li riprendeva. Nell’attesa di riportare a breve Giorgia Meloni, sempre più apprezzata dagli italiani, a Carrara, nel condannare certi episodi di intolleranza, esprimiamo solidarietà alla Lega Carrara».

Più informazioni su