LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Ambientalisti forzano l’entrata in Consiglio comunale, seduta sospesa foto

Fuoco e fiamme durante l'assemblea cittadina sui Pabe e sul Regolamento degli agri marmiferi dopo il voto sull'ingresso dei giornalisti

Più informazioni su

Tumulto al Consiglio sui Pabe, i manifestanti forzano l’entrata. E’ stato un Consiglio comunale incandescente quello sui Pabe di giovedì 2 luglio: gli elementi più giovani delle associazioni ambientaliste (e non) riuniti in protesta fuori dal Comune – Legambiente, Casa rossa occupata, Fridays for Future – hanno interrotto la sessione cercando di forzare le porte della sala consiliare e provocando di seguito l’intervento della celere in tenuta antisommosa.

Dopo una sospensione dei lavori protrattasi oltre l’ora e una riunione dei capigruppo, è stato deciso l’ingresso in sala consiliare di una delegazione composta da quattro ragazzi. Poco dopo essere entrati, i delegati hanno cominciato a gridare ai consiglieri di maggioranza e opposizione: “Vergogna, venduti, il Consiglio avrebbe dovuto essere fatto in modalità tali da consentire la partecipazione della popolazione, non v’importa niente né di ambiente né di salute.” Momento in cui hanno abbandonato l’aula. Le proteste sono proseguite all’esterno.

La seduta aveva già subito un brusco arresto al momento dell’intervento introduttivo del sindaco Francesco De Pasquale, quando un membro della stampa era stato messo alla porta con la motivazione che la seduta fosse chiusa al pubblico. L’opposizione ha allora sollevato il tema della presenza della stampa in Consiglio comunale, ottenendo una discussione in merito e mettendo ai voti la possibilità dei giornalisti di presenziare alla discussione. Una votazione che ha consentito nuovamente l’ingresso ai giornalisti.

La seduta, dopo un lungo stop, è poi ripresa. La ricognizione degli agri marmiferi comunali è stata approvata coi voti favorevoli dei 15 consiglieri di maggioranza e i voti contrari dei sette d’opposizione presenti (Giuseppina Andreazzoli, Luca Barattini, Massimiliano Bernardi, Cristiano Bottici, Roberta Crudeli, Gianenrico Spediacci, Andrea Vannucci). Tuttavia, prima di arrivare al momento dell’approvazione, e in alcuni casi della discussione, degli altri provvedimenti potrebbe essere necessaria una nuova convocazione per concludere i lavori.

AGGIORNAMENTO – La seduta riprenderà venerdì 3 luglio alle 17.

Più informazioni su