LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Centri estivi, De Pasquale: «Garantiremo il servizio»

I Giovani Democratici chiedono al Comune cosa ne sarà dei campus: «Supporto fondamentale per le famiglie». Il sindaco: «Offriremo la possibilità a quanti più utenti possibili»

Più informazioni su

«L’emergenza covid-19 ha rivoluzionato i nostri stili di vita rendendo necessario il ricorso a nuove e inedite misure di gestione della nostra vita quotidiana. È necessario riprogettare il sistema scolastico ed educativo per garantire agli studenti e alle loro famiglie la continuità necessaria e garantire un percorso di sostegno attraverso il quale poter affrontare con serenità i prossimi mesi». Lo afferma in una nota Carolina Ginesini, segretaria dei Giovani Democratici di Carrara (Pd).

«Bisogna intervenire concretamente per aiutare le famiglie più in difficoltà nell’affrontare la quotidianità durante il periodo estivo nel quale molti genitori hanno sempre potuto fare affidamento sui centri estivi ed attraverso i quali si riuscirebbe anche a garantire ai bambini, molto colpiti dall’emergenza sanitaria, momenti ludico-ricreativi e di socializzazione.
È opportuno riflettere sull’introduzione di misure di sostegno per le famiglie più in difficoltà come i nuclei monogenitoriali, quelli in cui entrambi i genitori lavorano e magari svolgono un lavoro incompatibile con lo smartworking, le famiglie con situazioni di fragilità come la disabilità di un bambino o di un ragazzo e tutte quelle persone che, con il graduale e parziale ritorno alla normalità e senza un supporto adeguato, potrebbero trovarsi in grave difficoltà».

«È chiaramente di primaria importanza pensare a progetti in grado di tutelare la salute dei bambini e degli operatori che comporterà la necessità di individuare spazi idonei e l’adozione di stringenti misure di sicurezza seguendo le linee guida fornite dal Governo sulla riapertura dei centri che prescrivono tutte le precauzioni da mettere in atto quali il lavoro in sinergia con i pediatri per l’ammissione ai centri, la suddivisione dei bambini in fasce d’età ed in piccoli gruppi, la stabilità relazionale dei gruppi volta a garantire l’eventuale tracciamento in caso di contagi.
Un progetto di questo tipo potrebbe essere l’occasione per impiegare di nuovo gli operatori di Nausicaa Spa che, a seguito dell’emergenza sanitaria, hanno visto l’interruzione del loro lavoro ed hanno le competenze adeguate per svolgere questo tipo di attività».

«Ad oggi non abbiamo notizie di progetti del Comune di Carrara su questo tema: qualora non lo si fosse ancora fatto invitiamo dunque l’amministrazione ad attivarsi in questa direzione, magari aprendo un tavolo di discussione e progettazione con le realtà del nostro territorio che potrebbero dare un contributo fattivo nella gestione delle attività ed individuando luoghi all’aperto: pensiamo al Campo Scuola di Marina di Carrara che, messo in sicurezza, potrebbe rappresentare una buona soluzione oppure altri spazi all’aperto, magari inutilizzati, che potrebbero essere riattivati.
Chiediamo alla amministrazione di cogliere le nostre riflessioni, frutto di un lavoro di ascolto del territorio, propedeutico ad individuare le soluzioni più adeguate. È importante che queste proposte possano tradursi in realtà, anche alla luce dell’impegno della Regione Toscana che ha stanziato 2 milioni di euro destinati ai Comuni per l’organizzazione delle attività estive per bambini».

IL COMUNE: «GARANTIREMO IL SERVIZIO»
Interpellato dalla Voce Apuana, il sindaco di Carrara, Francesco De Pasquale ha risposto che «Comune e Nausicaa stanno mettendo a punto delle soluzioni per garantire un servizio fondamentale per le famiglie. Si tratta di una progettazione difficile e delicata visti i vincoli imposti dalle norme di sicurezza che sicuramente non ci permetteranno di garantire i numeri delle ultime edizioni. L’intento dell’amministrazione e dell’azienda sarà quello di provare ad offrire un servizio a quanti più utenti possibile».

Più informazioni su