LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Top 11 bianconera di sempre, a destra c’è Mussi

Con 42 voti a suo favore il vice campione del mondo si lascia alle spalle il mitico Palù, numero 2 dello storico anno della Serie B, e di diritto conquista la seconda maglia della formazione delle meraviglie

Più informazioni su

Non poteva che essere Roberto Mussi il terzino destro della Top 11 di tutti i tempi della U.S Massese 1919. Con 42 voti a suo favore il vice campione del mondo si lascia alle spalle il mitico Tullio Palù, numero 2 che nel ’70 contribuì con 10 gol alla storica promozione Serie B, e di diritto conquista la seconda casacca della formazione delle meraviglie.

Massese di nascita, il predestinato classe 1963 cresce con la maglia bianconera, con cui svolge tutte le giovanili fino alla prima squadra, dove esordisce a 18 anni e gioca per tre stagioni e mezzo, dal 1981 al 1984, con 83 presenze, contribuendo a vincere il campionato Interregionale 1982-83.

Poi passa a Parma tra Serie B e Serie C1, dove trova Arrigo Sacchi che se lo porta al Milan. Con il “dream team” di Silvio Berlusconi in due stagioni 87-89 raggiunge l’apice, conquistando Scudetto, Coppa dei Campioni e Super Coppa Italiana. Gli anni 90′ li divide tra Torino, con cui vince campionato di Serie B, Mitropa Cup e Coppa Italia, e Parma, dove rimane fino al 1999, alzando due volte al cielo la Coppa UEFA, 1995 e 1999, e la Coppa Italia nel 1999. Nell’immaginario collettivo resterà sempre il Campionato del Mondo Usa 1994, perso in finale col Brasile: indimenticabile l’assist a Roberto Baggio a tempo scaduto contro la Nigeria quando “Codino” segnò il gol dell’1-1 (e ai supplementari realizzò il 2-1 definitivo su rigore).

Dopo il ritiro e l’esperienza da allenatore nelle giovanili del Parma, nel 2009 torna a Massa: i primi anni è al settore giovanile dello Sporting Massese, poi dal 2012 al 2014 è di nuovo alla Massese in Serie D, come vicepresidente di Turba e responsabile dell’area tecnica di prima squadra e settore giovanile.

Attaccatissimo alla sua città è sempre pronto a onorare con la sua presenza ogni manifestazione sportiva, e non, a cui viene invitato, dimostrando grandissima umiltà e senso di appartenenza.

In un’intervista del 2012 quando gli è stato chiesto quali sono state la soddisfazioni più grandi della sua carriera, dopo aver citato le vittorie col Milan e la finale dei mondiali ha detto: “Se devo scegliere il primo anno a Massa quando abbiamo vinto l’Interregionale è stato il più bello. C’erano giocatori importanti che avevano fatto la A, come Chiarugi, Zecchini, Speggiorin, e l’allenatore era Lido Vieri, un altro grande del calcio italiano. Eravamo un gruppo di amici, ci si divertiva e si scherzava”.

Di seguito la graduatoria integrale della seconda puntata del concorso:

MUSSI 42
PALU’ 7
COPPOLA 4
VITALONI 2
ANGELOTTI 2
CECCOTTI 2
PASSAPONTI 2
ZANELLA 1
TIRITIELLO 1
BORASCHI 1
MARTINELLI 1
BENASSI 1
BERLANDA 1

Più informazioni su