LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Dilettanti, Sibilia: “Mi auguro che non ci sia una valanga di ricorsi”

A quanto di dice i ricorsi saranno impugnabili al Tar e al Consiglio di Stato, ma con tempi molto ristretti.

Più informazioni su

    Il presidente della Lega nazionale dilettanti Cosimo Sibilia, che fin che ha potuto ha mantenuto vive le speranze di ripresa, ha confermato l’epilogo dei campionati dilettanti, la cui ufficialità arriverà probabilmente dopo il Consiglio Federale del 20 maggio. Stando alle indiscrezioni delle ultime ore, l’indirizzo sarebbe quello di premiare con la promozione diretta le prime in classifica, dalla Serie B alla Terza Categoria, ma per questo il presidente non si pronuncia. Ovviamente moltissime società non saranno “contente” delle decisioni prese, così al fine di scongiurare la minaccia rappresentata dai ricorsi, a quanto si dice verrà “snellito” l’iter giudiziario con il mantenimento di un solo grado di giudizio per la giustizia sportiva presso il Collegio di Garanzia del Coni. I ricorsi saranno impugnabili al Tar e al Consiglio di Stato, ma con tempi molto ristretti.

    Di seguito le parole di Sibilia: “Credo che per i dilettanti sia quasi impossibile riprendere, il tempo sta passando inesorabilmente. Mi auguro che non ci siano una valanga di ricorsi, gli stessi che ci chiedevano di concludere la stagione ora minacciano azioni nei tribunali e propongono alchimie strane per la conclusione della stagione o per la ripartenza. Ho sempre detto che c’era la speranza di concludere i campionati, senza nascondere le difficoltà. La Lega Nazionale Dilettanti farà la sua parte, l’attenzione ai territori è sempre massima. La crisi socio-economica del Paese si ripercuoterà anche nel nostro settore dove le piccole realtà sostenevano la squadre. Aiuti dal Governo? Il ministro Spadafora ha confermato fondi per 400 milioni, visti i nostri numeri importanti penso che sia destinata una buona fetta a noi”.

    Più informazioni su