LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Fase 2, aziende apuane in sicurezza. Il pericolo è la contrazione consumi»

L'analisi del segretario Uilm area nord Toscana, Giacomo Saisi: «Con la cassa integrazione e salari da 900 euro si rinuncerà ai caffè e alle cene fuori»

“La ripartenza di tante aziende è avvenuta tutto sommato in sicurezza. Possiamo dare un giudizio positivo sui primi dieci giorni della ‘fase 2′ a Massa Carrara. I protocolli sono stati ben delineati e rispettati e tutte le aziende più strutturate hanno costituito delle commissioni di controllo dove all’interno si trovano anche le nostre Rsu, così da verificare l’evolversi della situazione. Termoscanner, controlli all’ingresso e dispositivi di sicurezza: per ora tutto è rispettato”. A parlare è Giacomo Saisi, segretario Uilm area nord Toscana e referente della segreteria Uil area nord Toscana, che traccia un bilancio dei primi dieci giorni della famosa ‘fase 2’ che a oggi ha coinvolto prevalentemente grandi, piccole e medie imprese, compresi gli artigiani. “Ma la vera fase 2 inizia adesso, quella più critica – prosegue Saisi -, con la riapertura del commercio al dettaglio, dei negozi, del settore dell’estetica e della ristorazione. Per questo invitiamo le piccole imprese, i piccoli commercianti a fare dei protocolli di sicurezza, magari chiedendo la collaborazione dei nostri Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriali. Sbagliare ora potrebbe essere devastante”. Ripiombare indietro di settimane significherebbe aggravare un bilancio economico già disastroso: “La cassa integrazione è in ritardo, le grandi aziende strutturate hanno sopperito in anticipo con fondi propri ma quelle più piccole no e i lavoratori stanno erodendo i risparmi per andare avanti. Questo nonostante i tanti accordi sottoscritti a livello nazionale – evidenzia il segretario Uilm -. Una crisi che ci fa preoccupare a cascata per bar, locali e attività al dettaglio. Il numero elevatissimo di cassa integrati a 800 o 900 euro cambierà gli stili di vita: non ci si permetterà più il caffè al bar la mattina, la cena o il pranzo al ristorante. Una restrizione dei consumi che potrebbe acuirsi con i possibili aumenti che tanti commercianti applicheranno per sopperire alla riduzione dei posti nei locali. E così si finirà per ampliare ancora il divario fra ricchi e poveri… Un ‘distanziamento sociale’ per casta che dobbiamo evitare a ogni costo o si perderanno posti di lavoro entrando in un vortice senza fine”. Con il decreto Rilancio si apre dal 18 di maggio un nuovo periodo di verifica, quindi, dove comunque le mascherine e i dispositivi di protezione individuale resteranno essenziali: “Ben vengano i bonus, i sussidi a fondo perduto, il prolungamento della cassa integrazione, la cancellazione dei versamenti fiscali e altre misure una tantum –  conclude Saisi -, per sopperire al crollo della capacità di produrre reddito e traghettare i consumi fino a settembre. Il ‘rilancio’, però, richiede davvero degli sforzi maggiori che ci attendiamo di vedere nei prossimi giorni. Dal Governo. E dall’Europa”.