LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Carrarese, comunicato della Curva Nord

I supporters della Lauro Perini condannano tentativi di lucro su produzione mascherine gialloazzurre

Più informazioni su

In un momento di grande difficoltà a livello nazionale gli Ultras di tutt’Italia si sono resi protagonisti di azioni volontarie e benefiche a favore della collettività e degli operatori sanitari con donazioni e collette alimentari anche e soprattutto in aiuto delle famiglie in difficoltà. Pienamente coscienti che il calcio al momento sia l’ultimo dei problemi stanno allo stesso tempo condannando la volontà ,da parte della Federazione, di voler ripartire col campionato di Serie A a porte chiuse.

In questi giorni a Carrara stanno proliferando i produttori, piu’ o meno certificati , di mascherine personalizzate e sono cominciate a girare sul web anche modelli riguardanti la Carrarese Calcio. A tal proposito gli Ultras della CNLP intendono chiarire il loro pensiero in merito a tali iniziative.

Questo il comunicato delal Curva Nord Lauro Perini di Carrara

“NON SI LUCRA SU QUESTE COSE !

Ci sono arrivate segnalazioni riguardo persone che utilizzando i colori della nostra città, e di conseguenza colori e simboli degli Azzurri, lucra su dispositivi di protezione individuale (mascherine).
Riteniamo, da parte nostra, assolutamente condannabile chi in un momento così difficile per tutti noi si ostina a compiere simili gesti.
In quanto Curva Nord ci sentiamo presi in causa, seppur non attivi nella produzione di mascherine, crediamo di dover invitare tutti i tifosi della Carrarese ad acquistare solo presso chi, con intenzioni dichiarate, dona i propri ricavi in beneficenza.

CURVA NORD LAURO PERINI”

________________________________

Questo il comunicato della società in merito all’argomento.

“Carrarese calcio 1908 rende noto di esser venuta al corrente della circostanza per cui sarebbero in vendita mascherine brandizzate con il logo ufficiale del Club.
Ebbene, si tiene a precisare che la società non ha mai provveduto a concedere a terzi l’utilizzo del proprio marchio e di non aver mai autorizzato alcuna produzione di tali dispositivi medici, trattandosi, peraltro, di prodotti non ufficiali di cui, pertanto, non ci è nota la provenienza, nonché la certificazione di conformità ai requisiti e standard di qualità richiesti a tutela della salute”.
Con l’occasione si dichiara la più completa estraneità ad eventuali processi di produzione e a canali di commercializzazione non riconosciuti riservandosi la facoltà di procedere a tutti gli accertamenti del caso al fine, in ipotesi di necessità, di una segnalazione alle Autorità preposte competenti”

Più informazioni su