LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Coronavirus, gel e distanze per il ritorno del tennis

Le nuove regole di comportamento per i numerosi appassionati della racchetta tra i quali molti apuani al momento della ripresa

«Non possiamo fare previsioni sulla ripresa ma possiamo anche immaginarci una ripartenza differenziata. Il tennis, per esempio, come altre discipline dove non si deve necessariamente condividere lo spogliatoio potrebbe riprendere prima di altre».

Lo ha detto Vito Cozzoli, presidente e amministratore delegato di ‘Sport e Salute’, collegato in video-conferenza all’evento organizzata oggi dall’Istituto Superiore di Formazione Roberto Lombardi, ‘Il tennis per ripartire a i tempi del coronavirus. Presente e futuro’, utilizzando la piattaforma digitale della Scuola dello Sport, nella quale sono stati coinvolti gli oltre 11.000 insegnanti di tennis e i 3.500 dirigenti di circolo italiani.

«Anche il ministro Spadafora ci sta lavorando in questi giorni, sta operando a una ipotesi di riapertura graduale anche del mondo sportivo – ha detto ancora Cozzoli – ma al momento è presto per dire quando e con che caratteristiche. Bisogna però utilizzare questa emergenza per coglierne le opportunità, dobbiamo fare tutti cose nuove per uscire più forti e preparati. Sport e salute sta lavorando con il Governo su un pacchetto di misure corposo e articolato e speriamo anche ambizioso che dovrà assicurare un’immediata ripartenza dell’attività sportiva, contestualizzando aiuti alle famiglie, agli anziani, ai ragazzi, agli operatori sportivi. Sarà un’estate particolare – ha detto ancora – dovremo mettere le società sportive, le associazioni sportive dilettantistiche, i circoli in condizioni di ripartire pianificando attività e opportunità di lavoro».

In termini di idee per la ripartenza, di farsi trovare pronti, una linea chiara è quelle presentata da Michelangelo Dell’Edera, direttore dell’Istituto di Formazione Roberto Lombardi e organizzatore dell’evento che, all’interno del suo intervento sulle nuove frontiere della formazione dell’Istituto e le prospettive per le scuole tennis del futuro, ha presento anche una serie di regole pratiche, una sorta di decalogo per la ripresa del gioco.

NOVE REGOLE PER I PRATICANTI TENNISTI

1) In prossimità dei campi devi arrivare sempre con mascherina, guanti e gel igienizzante nel portaracchette;
2) Mantieni sempre la distanza di sicurezza di almeno un metro prima, durante e dopo aver giocato a tennis, soprattutto nel doppio;
3) Quando giochi, ricordati di indossare il guanto con la mano non dominate con cui lanci la palla nel servizio o raccogli le palline;
4) Se non riesci a giocare con il guanto, poichè giochi il rovescio a due mani, utilizza il gel disinfettante ad ogni cambio campo;
5) La stretta di mano, o il ‘batti cinque’ puoi sostituirla con un tocco della punta della racchetta con quella del tuo compagno di gioco;
6) Se hai giocato un match, l’arbitro puoi salutarlo indicandolo con la testa della racchetta;
7) Prima e dopo il match lavati accuratamente le mani e appena puoi utilizza il gel igienizzante;
8) Cambia campo dal lato opposto rispetto al tuo avversario; se non è possibile ricordati la distanza di sicurezza;
9) Togli l’over-grip al termine di ogni incontro e rimettine uno nuovo prima del successivo.

___________

NICOLA MOROSINI