LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Le regole del Calcio, la lezione 6 foto

In questo capitolo ci occupiamo degli assistenti del'arbitro

Più informazioni su

Continua l’iniziativa di Calcio Massa Carrara / Voce Apuana dedicata ai calciofili apuani “costretti” a casa nella speranza di tornare al piu’ presto in campo.

Lezione odierna , la Numero 6 del Regolamento Figc riguardante ALTRI UFFICIALI DI GARA

Altri ufficiali di gara (due assistenti, un quarto ufficiale, due arbitri addizionali, un
assistente di riserva, un VAR – Video Assistant Referee – e almeno un AVAR –
Assistant VAR) possono essere designati per una gara. Coadiuveranno l’arbitro
nel dirigerla in conformità con le Regole del Gioco, ma la decisione finale sarà
sempre assunta dall’arbitro.
L’arbitro, gli assistenti, il quarto ufficiale, gli arbitri addizionali e l’assistente di
riserva sono gli ufficiali di gara “sul terreno”.
Il VAR e l’AVAR sono gli ufficiali di gara “al video” e assistono l’arbitro in
conformità con il Protocollo VAR come determinato dall’IFAB.
Gli ufficiali di gara operano sotto la direzione dell’arbitro. In caso di ingerenza o di
comportamento improprio, l’arbitro li dispenserà dai loro doveri e farà un rapporto
all’autorità competente.
Con l’eccezione dell’assistente di riserva, gli ufficiali di gara “sul terreno”
collaborano con l’arbitro per le infrazioni quando hanno una visuale migliore
rispetto a quella dell’arbitro e inviano una rapporto alle autorità competenti su ogni
grave scorrettezza o altro episodio occorso fuori della visuale dell’arbitro e degli
altri ufficiali di gara. Devono informare l’arbitro e gli altri ufficiali di gara di ogni
rapporto redatto.
Gli ufficiali di gara “sul terreno” collaborano con l’arbitro nell’ispezionare il terreno
di gioco, i palloni e l’equipaggiamento dei calciatori (compreso se gli eventuali
problemi rilevati siano stati risolti) e tengono nota del tempo, delle reti segnate, dei
provvedimenti disciplinari, ecc.
Il regolamento della competizione deve stabilire chiaramente chi sostituisce un
ufficiale di gara che è impossibilitato ad iniziare o proseguire la gara e tutti i
conseguenti cambi. In particolare, nel caso in cui l’arbitro non sia in grado di
proseguire la gara, deve essere chiaro se ad assumerne la funzione sarà il quarto
ufficiale, l’assistente dell’arbitro più qualificato (senior) o l’arbitro addizionale più
qualificato (senior).

1. GLI ASSISTENTI DELL’ARBITRO
Indicano quando:
• il pallone è uscito interamente dal terreno di gioco e a quale squadra spetta la
rimessa dalla linea laterale, il calcio d’angolo o il calcio di rinvio
Regola 6 | 63
• un calciatore può essere sanzionato perché si trova in posizione di fuorigioco
• viene richiesta una sostituzione
• nell’esecuzione del calcio di rigore, il portiere si muove dalla linea di porta prima
che il pallone sia stato calciato e se il pallone ha superato la linea di porta; se sono
stati designati gli arbitri addizionali, l’assistente si posiziona in linea con il punto
del calcio di rigore
La collaborazione dell’assistente comprende anche soprintendere la procedura di
sostituzione.
L’assistente può entrare sul terreno di gioco per verificare la distanza di 9,15 m.

2. IL QUARTO UFFICIALE
La collaborazione del quarto ufficiale comprende:
• soprintendere la procedura delle sostituzioni
• controllare l’equipaggiamento dei calciatori titolari / di riserva
• soprintendere il rientro di un calciatore in seguito al segnale / consenso
dell’arbitro
• soprintendere i palloni di riserva
• indicare l’ammontare minimo del recupero deciso dall’arbitro alla fine di ciascun
periodo di gioco (inclusi i tempi supplementari)
• informare l’arbitro in caso di un comportamento non corretto di qualsiasi
occupante l’area tecnica

3. GLI ARBITRI ADDIZIONALI D’AREA
Gli arbitri addizionali possono indicare:
• quando il pallone ha interamente oltrepassato la linea di porta, compreso quando
è stata segnata una rete
• a quale squadra spetta un calcio d’angolo o un calcio di rinvio
• se, nell’esecuzione del calcio di rigore, il portiere si muove dalla linea di porta
prima che il pallone sia stato calciato e se il pallone ha superato la linea

4. L’ASSISTENTE DI RISERVA
L’unico compito di un assistente dell’arbitro di riserva è sostituire un assistente o il
quarto ufficiale che è impossibilitato a proseguire nella propria funzione.

5. GLI UFFICIALI DI GARA AL VIDEO
• Un VAR (Video Assistant Referee) è un ufficiale di gara che può aiutare l’arbitro
nell’assumere una decisione utilizzando il replay di un filmato unicamente per un
“errore chiaro ed evidente” o un “grave episodio non visto” relativo a rete segnata /
non segnata, calcio di rigore / non calcio di rigore, espulsione diretta (non una
seconda ammonizione) o un caso di scambio d’identità quando l’arbitro
ammonisce o espelle il calciatore sbagliato
Un AVAR (Assistant VAR) è un ufficiale di gara che coadiuva il VAR
principalmente nel:
• guardare le riprese televisive mentre il VAR è intento in un controllo o una
revisione
• tenere nota degli episodi relativi al VAR e di eventuali problemi di comunicazione
o della tecnologia
• assistere la comunicazione del VAR con l’arbitro in particolare comunicando con
l’arbitro quando il VAR sta effettuando un controllo / revisione, ad esempio per dire
all’arbitro di “interrompere il gioco” o “ritardare la ripresa”, ecc.
• prendere nota del tempo “perso” quando il gioco viene interrotto per un controllo
o una revisione
• comunicare informazioni su una decisione relativa al VAR alle parti interessate

Decisioni Ufficiali FIGC

Assistenti
1) Gli assistenti sono tenuti a riferire all’arbitro su fatti ed episodi da addebitarsi ai
calciatori, anche se di riserva o sostituiti, alle persone ammesse nel recinto di
gioco di cui alla precedente Regola 5, o a qualsiasi altra persona comunque
presente all’interno dello stesso, restando riservata ogni decisione all’arbitro.
2) Tra l’altro, gli assistenti sono tenuti a segnalare immediatamente all’arbitro,
sventolando in maniera ben visibile la bandierina, quando un calciatore, anche se
di riserva o sostituito, una persona ammessa nel recinto di gioco, o qualsiasi altra
persona comunque presente all’interno dello stesso, colpisca o tenti di colpire un
calciatore, anche se di riserva o sostituito, una persona ammessa nel recinto di
gioco, l’arbitro, un assistente o il IV ufficiale di gara (laddove previsto), o li faccia
oggetto di lancio di sputi, oppure rivolga loro gesti o frasi ingiuriose, minacciose o
discriminatorie a sfondo razziale o religioso.
3) Gli assistenti sono, altresì, tenuti a segnalare immediatamente all’arbitro,
sventolando in modo ben visibile la bandierina, quando un calciatore, anche se di
riserva o sostituito, o una persona ammessa nel recinto di gioco utilizza
espressione blasfema.
4) Qualora l’assistente possa informare l’arbitro soltanto durante l’intervallo per
fatti avvenuti in chiusura del primo tempo, la cui segnalazione non sia stata
recepita dall’arbitro prima del termine del medesimo, questi comunicherà al
capitano della squadra cui appartiene colui che si è reso responsabile dei fatti
sopra citati l’espulsione.
5) In relazione ai fatti di cui sopra ed indipendentemente dalle decisioni assunte
dall’arbitro, l’assistente dovrà, al termine della gara, redigere un rapporto
descrivendo in maniera chiara quanto accaduto e dovrà essere consegnato
all’arbitro per essere allegato al rapporto di gara.
Regola 6 | 65
6) Nelle gare per cui sia prevista la presenza dei tre ufficiali di gara, in caso di
assenza di uno o entrambi gli assistenti, l’arbitro designato cercherà di reperire
altro arbitro o due arbitri che possano sostituire l’assistente o gli assistenti assenti
e, in ipotesi essi vengano reperiti, darà inizio alla gara all’orario ufficiale di inizio.
Qualora l’arbitro designato non riesca a reperire altri arbitri entro l’ora ufficiale di
inizio, dovrà dispensare dalla funzione l’assistente eventualmente presente, senza
che lo stesso si allontani dal campo di gioco, avvalendosi di assistenti di parte
forniti da entrambe le società ed in possesso dei requisiti previsti. Se nel corso
della gara sopraggiungessero uno o entrambi gli assistenti designati, l’arbitro
provvederà a sostituire gli assistenti di parte con quelli ufficiali.
7) Qualora, nel corso di una gara, un assistente ufficiale non possa, per cause
fortuite, quale malessere o infortunio, continuare la propria funzione, l’arbitro
provvederà alla sua sostituzione con le modalità previste nel comma precedente.
8) La sostituzione di un assistente ufficiale con un altro assistente ufficiale è
definitiva e decorre dal momento in cui la gara ha inizio o, se già iniziata, dal
momento in cui il gioco riprende regolarmente dopo la sostituzione.

Assistente di parte
1) Nelle gare organizzate nell’ambito della LND e del SGS, per le quali non sia
prevista la designazione dei tre ufficiali di gara, nonché nell’attività ricreativa, le
società sono tenute a porre a disposizione dell’arbitro, per assolvere a tale
funzione, un calciatore, di età non inferiore a quella stabilita per partecipare alla
gara, o un tecnico tesserato ovvero un dirigente che risulti regolarmente in carica.
La funzione di assistente dell’arbitro è considerata, ai fini regolamentari e
disciplinari, come partecipazione alla gara e, pertanto, è preclusa ai calciatori e ai
dirigenti colpiti da provvedimenti di squalifica o di inibizione.
2) Nelle gare di cui al punto 1, un calciatore iscritto nell’elenco ufficiale di gara, che
svolga le funzioni di assistente di parte, può nella stessa gara partecipare come
calciatore. Nelle medesime gare, un calciatore iscritto nell’elenco ufficiale di gara e
già partecipante alla stessa può, successivamente, svolgere le funzioni di
assistente.
3) Nelle gare di cui al punto 1, gli assistenti di parte non possono essere sostituiti
da ufficiali di gara all’uopo reperiti.
4) Qualora nel corso di una gara un assistente di parte venisse espulso dal recinto
di gioco o, comunque, abbandonasse la propria funzione, il dirigente
accompagnatore ufficiale dovrà indicare il nominativo di un altro tesserato in
possesso dei requisiti di cui al punto 1, il quale svolgerà tale funzione nel
proseguo della gara

Bandierine
1) Le bandierine degli assistenti dell’arbitro, con drappo della misura di cm 45 x
45 e asta di 75 cm, possono essere, di norma, di colori differenti: rosso brillante e
giallo, anche se a scacchi. Per le gare della LND e del SGS è consentito
66 | Regola 6
anche l’uso di bandierine diverse.
2) Le società sul cui campo viene disputata la gara devono fornire agli assistenti
dell’arbitro ufficiali o di parte le prescritte bandierine, sempre che a ciò non
abbiano provveduto direttamente le Leghe o i Comitati.
3) In caso di gara disputata in campo neutro le bandierine devono essere fornite
dalla società sul campo della quale si svolge la gara.

Quarto ufficiale di gara
Limitatamente alle gare organizzate dalle Leghe Professionisti (Campionati di
Serie A e B, Coppa Italia e Serie C quando previsto) l’Organo Tecnico
competente, oltre ai due assistenti previsti, designa un quarto ufficiale di gara.
Durante lo svolgimento dell’incontro per il quale è stato designato, il quarto
ufficiale di gara prenderà posto sul campo per destinazione tra le due panchine ivi
installate ed avrà i seguenti compiti:
a) sostituire l’arbitro o uno degli assistenti in caso di malessere o infortunio,
laddove il quarto ufficiale designato sia un arbitro;
b) sostituire uno degli assistenti in caso di malessere o infortunio, laddove il quarto
ufficiale designato sia un assistente;
c) controllare che sulle panchine prendano posto soltanto le persone indicate negli
elenchi di gara nonché le persone ammesse ai sensi dell’art.66, comma 1bis delle
NOIF e che persone diverse da quelle indicate dalle vigenti norme non accedano
o sostino nel recinto di gioco; nel caso di inadempienze dovrà invitare il dirigente
accompagnatore ufficiale della Società a provvedere per il ripristino di quanto
previsto dalle norme;
d) analogamente a quanto previsto per gli assistenti, riferire all’arbitro su fatti ed
episodi gravi da addebitarsi ai calciatori, anche se di riserva o sostituiti, alle
persone ammesse nel recinto di gioco di cui alla precedente Regola 5, o a
qualsiasi altra persona comunque presente all’interno dello stesso, restando
riservata ogni decisione all’arbitro;
e) riferire all’arbitro circa i comportamenti non regolamentari, diversi da quelli di cui
al precedente punto d), da addebitarsi ai calciatori, anche se di riserva o sostituiti,
alle persone ammesse nel recinto di gioco di cui alla precedente Regola 5, o a
qualsiasi altra persona comunque presente all’interno dello stesso, da lui
constatate e non rilevate dagli altri ufficiali di gara, restando riservata ogni
decisione all’arbitro;
f) prendere nota del contenuto di striscioni offensivi e/o incitanti alla violenza
esposti all’interno dello stadio;
g) prendere nota delle manifestazioni di intemperanza dei tifosi, dei cori ingiuriosi
e del lancio di oggetti;
h) assistere l’arbitro nell’effettuazione delle sostituzioni avendo cura di controllare
la regolarità dell’equipaggiamento dei calciatori di riserva prima che questi entrino
sul terreno di gioco e assicurare, mediante esposizione dei numeri, la corretta
esecuzione delle sostituzioni dei calciatori, restando di competenza degli assistenti
le segnalazioni all’arbitro relative alle richieste di sostituzioni.

Al termine della gara il quarto ufficiale dovrà redigere un rapporto, anche nel caso
non vi sia nulla da segnalare, che dovrà essere consegnato all’arbitro affinché
venga allegato al rapporto di gara.
In tale rapporto dovranno essere riportati gli episodi di cui ai precedenti punti d),
e), f) e g).
L’eventuale assenza del quarto ufficiale di gara non pregiudica l’inizio e la
regolarità della gara.
La sostituzione dell’arbitro o di uno degli assistenti da parte del quarto ufficiale di
gara è definitiva.

Più informazioni su