LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Sanità, Mcc: «Riaprire il monoblocco per supportare le regioni limitrofe»

“Il cosiddetto “corona virus” ha portato alla nascita della sanità delle tende da campo e così ci ritroviamo accampamenti fuori da tutti gli ospedali. E’ assurdo ritrovarci in questa condizione quando Carrara ha un ospedale aperto e sotto utilizzato mentre quello di Massa giace in stato di abbandono. Questi due elementi certificano il fallimento di un modello sanitario che da 20 anni si sta diffondendo in tutte le regioni italiane”. Lo afferma il collettivo Massa Città in Comune che in una nota si appella ai 7 mila cittadini che hanno firmato la petizione contro la demolizione del monoblocco di Carrara.

“Il fallimento del modello lombardo che puntava alla presenza massiccia del privato e il fallimento del modello toscano prevalentemente pubblico ma sottoposto a operazioni finanziarie che lo hanno reso debole nell’offerta dei servizi sanitari in maniera capillare. Per questo di fronte a una emergenza sanitaria ci ritroviamo con le tende da campo fuori dai pronto soccorso di tutto il paese come se fossimo in una economia di guerra o terremotata. E’ un brutto spettacolo ma anche un segnale di debolezza infrastrutturale della sanità”.

“Avevamo proposto alcuni mesi fa di riaprire interamente l’ospedale di Carrara con tutti i servizi sanitari come prima della nascita del NOA, siamo stati profetici perché oggi, dopo le vicende di Pontremoli e Fivizzano, più che mai ne occorre la riapertura. I 5 stelle e il PD invece continuano a prendere in giro i cittadini con proposte di fantomatici aumenti di servizi, che oggi alla luce dell’emergenza “corona virus” rivelano la debolezza di un modello e di una proposta. Ci appelliamo a quelle 7000 persone che hanno firmato per il monoblocco potenziato chiedendogli di mutare la loro posizione in riapertura di un vero e proprio ospedale a Carrara, che sia punto di riferimento provinciale per le emergenze sanitarie ma possa anche essere di supporto alle regioni limitrofe per la stessa ragione. E’ assurdo fare decreti per requisire spazi da destinare a uso ospedaliero quando ci sono ospedali come Carrara a mezzo servizio o chiusi come Massa. Abbiamo già chiesto al gruppo regionale di Si Toscana a Sinistra di farsi portavoce di questa proposta di cambiamento radicale nella visione sanitaria toscana”.