LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Secondo l’Oms, la qualità dell’aria a Massa e Carrara è pessima»

La segnalazione arriva da Massa Città in Comune: «Non è così buona come raccontano i dati delle centraline». E in Consiglio regionale si chiede l'implementazione delle rilevazioni

«La qualità dell’aria a Massa-Carrara non è proprio così buona come raccontano i dati delle centraline Arpat e proprio per questo attraverso il gruppo regionale di Sì-Toscana a Sinistra abbiamo chiesto una mozione per implementare le rilevazioni». A intervenire sull’argomento è il collettivo Massa Città in Comune che evidenzia i suoi dubbi sulle rilevazioni delle centraline presenti nei comuni apuani. «L’Europarlamento – fa presente Mcc – ha votato lo scorso 15 gennaio una risoluzione che invita la Commissione Europea “a innalzare il livello di protezione della qualità dell’aria” seguendo le indicazioni dell’Oms. Proprio i parametri usati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per valutare la qualità dell’aria ci dicono che a Massa-Carrara le rilevazioni delle centraline Arpat sforano i livelli prefissati. Quindi possiamo affermare che respiriamo aria di pessima qualità secondo i valori dell’Oms».

«Da questa considerazione – spiegano – è nata la nostra richiesta ai consiglieri Fattori e Sarti di adoperarsi, attraverso una mozione, per rafforzare il sistema di rilevamento della qualità dell’aria in provincia di Massa-Carrara con nuove stazioni fisse e mobili così da monitorare con più attenzione Pm10, Pm2,5, NO2. Dopo aver letto i dati di gennaio del rilevamento della stazione di via Marina Vecchia, nei pressi della Fondazione Pelù (a Massa, ndr), che hanno avuto sforamenti solo la notte di capodanno e il giorno 3 ci siamo posti la domanda se quella centralina, che monitora la qualità dell’aria nelle zone residenziali, fosse posizionata nel luogo giusto e se ci sia una qualche forma di affitto per l’occupazione del suolo privato».

«Le troppe malattie polmonari, e non solo, che affliggono le nostre comunità con dati ben superiori alla media – concludono da Mcc – richiedono un’azione più incisiva nel capire che cosa respiriamo ogni giorno quando ci muoviamo nelle nostre azioni quotidiane».