LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Carrarese-Robur Siena (3-1): le pagelle degli azzurri

Valente inarrestabile, Infantino letale. Ottima prova del centrocampo, terzini non in giornata

Più informazioni su

Di seguito le pagelle degli azzurri dopo la vittoria per 3-1 contro la Robur Siena, che vale un quarto posto in solitaria e un vantaggio di 2 punti guadagnato nei confronti del Pontedera, prossimo avversario nell’impegno di mercoledì sera.

Forte 6.5: E’ chiamato ad effettuare pochi interventi, ma tra i pali si mostra sicuro, dando l’impressione di saper controllare anche quei tiri che terminano di poco a lato o sopra la traversa. Nel secondo tempo effettua un paio di buone uscite. Sul gol di Ortolini non ha colpe.

Ciancio 5.5: buona la diagonale nel primo tempo a neutralizzare un’opportunità per il Siena, ma per il resto del match appare confuso e in difficoltà a contenere le iniziative dalla sinistra dei bianconeri. Prestazione decisamente sotto la media personale.

Tedeschi 7: senza sbavature o quasi la prova difensiva del centrale ex Pro Vercelli, che si fa perdonare dopo gli errori di Alessandria siglando anche un gol, quello del 2-0, da vedere e rivedere. Il suo destro di prima intenzione sulla punizione dalla destra battuta da Valente si insacca direttamente sotto l’incrocio dei pali.

Murolo 6.5: dopo qualche prestazione non troppo convincente l’esperto centrale azzurro torna ad offrire il meglio del proprio repertorio: vince praticamente tutti i duelli aerei ed annulla efficacemente l’attacco bianconero.

Mignanelli 5 (FLOP): le poche opportunità che capitano sul suo sinistro per servire i compagni al centro dell’area potevano essere sfruttate decisamente meglio. Da un esterno difensivo delle sue qualità ci si aspetta più incisività e precisione. Viene ammonito per un brutto intervento su un avversario vicino alla riga di fondo, rischiando anche una punizione più severa. Giornata no.

Damiani 7.5: le qualità del ragazzo sono ormai note. Vederlo giocare è un piacere per tutti gli amanti del calcio. Molti lo definirebbero un centrocampista intelligente, con un senso della posizione pressoché perfetto. Contro i bianconeri recupera un’infinità di palloni offrendo continue opportunità di ripartenza ai compagni.

Pasciuti 7: dopo due mesi non semplici sul piano fisico, l’ex Carpi si rivede in campo dal primo minuto accanto a Damiani e offre una prova di sostanza e qualità. Contenere il centrocampo del Siena non era compito facile, ma l’esperienza del numero 19 azzurro in certi frangenti fa la differenza.

Calderini 6.5: macina chilometri sulla fascia sinistra e offre continui spunti interessanti ai compagni. Quando accelera è imprendibile. Da sottolineare anche l’ottimo lavoro in fase di ripiegamento. Esce dal campo esausto lasciando il posto ad Agyei.

Cardoselli 6.5: gioca una buona partita cercando come sempre di fare da collante fra centrocampo e attacco. Il suo gol sblocca l’incontro e rende tutto più facile agli azzurri, che prima raddoppiano e poi dilagano.

Valente 8 (TOP): sull’out di destra semina il panico con continue accelerate e cambi di direzione. Nel secondo tempo non perde le energie e continua a dare filo da torcere a Migliorelli, con il quale il duello sulla fascia è sicuramente vinto. Inarrestabile per 90 minuti, fornisce l’assist per il 2-0 ed è protagonista anche del tris firmato Infantino: sua infatti la botta da 40 metri sulla quale Confente non riesce a deviare efficacemente.

Maccarone 6: titolare a sorpresa al posto di Infantino, Big Mac risponde “presente”. Suo l’assist a Cardoselli per il gol che sblocca la partita.

Infantino 7: il capocannoniere del girone subentra a Maccarone e dopo pochi minuti firma il gol del 3-0, suo tredicesimo centro stagionale. Un’altra rete da vero rapinatore d’area dopo una corta respinta del portiere ospite. Al posto giusto al momento giusto, ma ormai non è una novità.

Piscopo 6: ha firmato il ritorno in azzurro solo pochi giorni fa ma Baldini sa che l’ex Genoa, schierato a partita in corso, può essere letale. Va ad occupare la posizione che più gli si addice alle spalle della punta e con i suoi inserimenti si rende pericolosissimo. Alla prima occasione utile sfiora il quarto gol provando a beffare Confente con un pallonetto. Una freccia in più per l’arco di Baldini, che con il suo dinamismo metterà sicuramente in difficoltà molte difese avversarie.

Agyei 6: entra in campo al posto di Calderini e va a posizionarsi in mediana accanto a Damiani. Contribuisce con una buona prova a controllare l’ampio vantaggio negli ultimi 15 minuti.

Baldini 7: sa che i suoi devono affrontare una partita intensa contro un avversario che in trasferta si è sempre dimostrato letale, e la prepara nel modo giusto. Singolare la scelta di tenere in panchina il capocannoniere Infantino, ma Maccarone, ex della sfida, non sfigura affatto e fornisce l’assist per il gol che spiana la strada alla Carrarese. Sul 3-0 può chiedere alla sua squadra di limitarsi a controllare il vantaggio, ma l’entrata in campo di Piscopo al posto di Cardoselli significa una cosa sola: continuare a pressare ed attaccare. Una strategia che si rivela vincente.

Più informazioni su