Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Donazione plasma non-stop: due appuntamenti a Pontremoli e Massa

Più informazioni su

Si dice soddisfatta dell’iniziativa Anna Baldi, Direttore del Servizio trasfusionale dell’Azienda USL Toscana nord ovest per l’ambito di Massa e Carrara che vuol far giungere il suo ringraziamento alle Associazioni per il dono Avis e Fratres della Provincia, ai donatori e al personale sanitario impegnato in queste giornate, presso il Centro Trasfusionale di Fivizzano il plasma day si è già svolto nell’ultima settimana di febbraio.

Sono iniziative importanti che estendono anche al pomeriggio la disponibilità a donare, per i donatori impegnati al mattino. Il plasma è un emocomponente molto importante, contiene infatti proteine e fattori nobili della coagulazione; nella donazione di plasma, plasmaferesi, viene trattenuta solo la parte liquida del sangue, mentre vengono reinfusi al donatore globuli rossi e piastrine.

Per questo motivo, la donazione di plasma non abbassa le riserve di ferro e può essere effettuata ogni 14 giorni. E’ particolarmente indicata per le donne in età fertile, gli sportivi, e per tutti i donatori che possono donare senza dover ridurre troppo le riserve di ferro. Tutti i gruppi sanguigni sono pregiati per la donazione del plasma, e fra questi ricordiamo che il plasma di gruppo AB è universale, cioè puo’ essere distribuito a tutti i pazienti, indipendentemente dal gruppo del sangue.

Il plasma donato serve per i pazienti che vanno incontro a importanti interventi chirurgici, come gli interventi al cuore, oppure nelle emergenze emorragiche del pronto soccorso, per i pazienti in terapia intensiva, o ancora per la produzione di molti farmaci salvavita, come i fattori della coagulazione e le Immunoglobuline.

Il donatore è una figura di grande importanza in sanità. Gli ospedali senza la disponibilità del sangue, del plasma e delle piastrine donate, sarebbero costretti a interrompere la propria attività; non sarebbero infatti possibili le attività chirurgiche in routine e in urgenza, e di alta specialità come la cardiochirurgia, o i trapianti; le attività mediche e oncologiche, e le attività di urgenza del pronto soccorso. Per questo motivo la donazione del sangue rientra nei LEA, livelli essenziali di assistenza, essendo una prestazione che il SSN è tenuto a fornire a tutti i cittadini; ma il sangue, il plasma e le piastrine, cioè gli emocomponenti, non si fabbricano ma si raccolgono da donatori volontari, anonimi e non remunerati.

“Nel Centro Trasfusionale è ovviamente garantita la raccolta del sangue al mattino” ricorda il Direttore del Centro Trasfusionale – “purtroppo permane la carenza in tutta la Toscana di sangue ZERO RH Positivo, Negativo, A Positivo e Negativo; per questo invito tutti i cittadini in buona salute a venire a donare”.

Ricordiamo che questa Provincia da sempre si distingue sia per la generosità dei cittadini nel donare, avendo tutt’ora un indice di donazione fra i piu’ alti in Toscana, che per l’impegno delle Associazioni di Volontariato nella promozione della donazione in particolare rivolta ai giovani nelle scuole.

“Le campagne di promozione verso una cultura della donazione non devono abbassare la guardia – dichiara Anna Baldi – anzi, devono essere ancora più capillari, specialmente tra gli adulti e i giovani. Stiamo asssistendo, negli ultimi anni, a un progressiva riduzione della popolazione nella nostre provincia, in linea con la tendenza nazionale. A Massa e Carrara siamo passati, negli ultimi due anni, dal 2016 al 2018, nella fascia di età dedicata alla donazione, tra i 18 e i 65 anni, a una diminuzione pari a 1.622 abitanti per i residenti, una differenza che subisce un trend migliore includendo i residenti stranieri, quest’ultimo dato richiede una riflessione verso la cultura del dono, che dovrà arrivare anche all’interno delle comunità straniere residenti sul nostro territorio”. “Saranno sempre più necessari” – sottolinea Baldi – incontri dedicati nelle scuole e nei centri di aggregazione; per una cultura d’iniziativa che non aspetta il donatore ma che va incontro al possibile donatore”.

Si può prenotare la donazione presso le propria associazione di riferimento territoriale AVIS e FRATRES, o direttamente presso il Centro Trasfusionale di Massa Ospedale Apuane 0585/498236- 498235; Pontremoli 0187/462225; Fivizzano 0585/92471, dalle ore 11 alle ore 13.
Donare il sangue e il plasma è un modo concreto di esprimere la solidarietà verso il prossimo, perché donare salva la vita ai pazienti, ma fa bene anche agli stessi donatori che, nell’occasione della donazione, possono tenere sempre sotto controllo il proprio stato di salute.

Più informazioni su