Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.01 del 25 Maggio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Spiagge libere, Marchetti (Fi): «Linee guida univoche per il controllo, no a una costa a tocchetti»

Spiagge libere, Marchetti (Fi): «Linee guida univoche per il controllo, no a una costa a tocchetti»
Toscana - «No al fai-da-te sul controllo delle spiagge libere della Toscana. Servono modalità di fruizione uniformi, non una costa ‘a tocchetti’ in cui comune che vai, regola che trovi. Chi pensa alle vacanze è già abbastanza in confusione». E' Maurizio Marchetti, Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, a indicare alla Regione la via delle linee guida che diano uniformità, in vista dell’estate 2020, alla gestione della sicurezza anti-covid nelle spiagge libere.

«Penso alla Lecciona di Viareggio, alle Dune e alle spiagge nel Parco di Migliarino San Rossore, penso al Romito e a Calafuria a Livorno, ai litorali nella tenuta di Rimigliano a San Vincenzo e a quelli nelle aree protette della Maremma. I sindaci si stanno attrezzando, ma non voglio pensare che un bagnante per andare a farsi un bagno al mare debba girare la roulette russa di regole diverse in ogni Comune. Serve una certa uniformità e per questo – spiega – invito la Regione a emanare linee guida univoche per gli enti locali non tanto per la cartellonistica che può essere parificata con poca difficoltà, ma sul controllo e la gestione dei flussi. Si procederà secondo accordi con volontari? O si darà modo ai Comuni di assumere personale stagionale qualificato? E in quel caso, si prevede di sostenere gli enti locali in questa spesa che
non potevano prevedere, ed eventualmente come? I turisti dovranno prenotare? A chi? Come? Non può esserci un modo a Viareggio e uno diverso a Calambrone perché la gente fa prima: resta a casa. Evitare ulteriori impoverimenti del turismo spetta alla Regione che ha il dovere
di dare alla Toscana massima appetibilità rendendola più semplice e smart possibile».

Nel pensiero di Marchetti la piattaforma unica per tutta la costa toscana non sottrarrebbe certo competenze ai Comuni: «Entro una medesima cornice – sottolinea – poi ogni ente locale sa con che spiaggia ha a che fare in termini di accessibilità, morfologia, profondità e quant’altro. Dunque ogni sindaco avrà margine per mettere in campo la propria capacità e creatività. Ma entro un unico corridoio che lasci andare le persone al mare nella massima semplicità che la convivenza col coronavirus e le esigenze di sicurezza consentono».
Mercoledì 20 maggio 2020 alle 17:46:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Vota il miglior numero 7 della storia della Carrarese


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News