Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 21.33 del 18 Febbraio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Legge Salvini, la Toscana ricorre alla Consulta con 60 Comuni. Nessuno apuano

Nella lista delle amministrazioni comunali che hanno notificato il ricorso contro il decreto Sicurezza non compare neanche una della provincia di Massa-Carrara. Rossi: «Occorre integrare e garantire più diritti, altrimenti si creano tensioni»

la palla alla corte costituzionale
Legge Salvini, la Toscana ricorre alla Consulta con 60 Comuni. Nessuno apuano
Toscana - La Toscana ha notificato ieri, 31 gennaio, il ricorso contro la legge Salvini: "Un ricorso alla Consulta – spiegano da Firenze – contro il decreto del governo, poi convertito in legge, che ha cancellato il permesso di soggiorno per motivi umanitari e l'impossibilità di rinnovo per chi già ce l'aveva, ma che ha anche vietato l'iscrizione all'anagrafe dei richiedenti asilo – con l'impossibilità ad esempio di essere vaccinati – oltre ad aver esteso il Daspo urbano agli ospedali e presidi umanitari, per cui chi non si trovasse in condizioni di grave ed acuta patologia, come ad esempio un infarto, ne dovrebbe essere allontanato senza poter usufruire di alcuna prestazione medica".

"E' evidente – sottolinea il presidente della Toscana, Enrico Rossi – come in questo modo si ostacoli il soddisfacimento di un nucleo di diritti fondamentali e universali che appartengono alla persona e già ribaditi da più sentenze". "Si ledono e si incide anche – aggiunge l'assessore alla presidenza, Vittorio Bugli – sulle competenze regionali e dei Comuni, limitando la possibilità di continuare ad erogare ad esempio servizi, che da questi enti dipendono, in materia sociale e sanitaria, di istruzione e formazione professionale in tutti questi anni erogati. Per questo ricorriamo". "Oltre al fatto – riprende il presidente – che c'è anche un problema di sicurezza, perché la cancellazione dei permessi umanitari sostituiti con ipotesi limitate di permessi di soggiorno speciali, l'impossibilità dei rinnovi per chi già ce l'aveva non oltre un ulterior e anno, creerà dei fantasmi nella nostre città, visto che non si potranno certo espellere tutti poiché l'Italia non ha accordi di rimpatrio con i paesi di provenienza". Un corto circuito insomma, che creerà più irregolari e maggiore insicurezza, nel più perfetto dei casi di eterogenesi dei fini.

La Toscana – assieme ad altre Regioni come il Piemonte, l'Umbria e l'Emilia Romagna - aveva per prima annunciato il ricorso alla Consulta contro il provvedimento del governo all'inizio di gennaio; la giunta aveva autorizzato il presidente a presentarlo e gli uffici a scriverlo il 7 gennaio. Già notificato, il testo è ora in via di trasmissione.

"Occorre integrare e garantire più diritti, altrimenti si creano tensioni – rivendica Rossi - Facciamo una battaglia su un fondamento di civiltà e la facciamo a testa alta". Ma la Regione Toscana ricorrerà anche a nome e per conto di oltre sessanta amministrazioni comunali, quei Comuni cioè che espressamente lo hanno richiesto. Nella lista non compare neanche un Comune della provincia di Massa-Carrara.

Nella delibera che ha autorizzato uffici e presidente a procedere erano già messe tutte in fila motivazioni del ricorso, contraddizioni del dispositivo del governo e presunte violazioni. Tutte confermate.

La Toscana ha deciso di ricorrere contro l'articolo 1, decimo comma lettera B ed ottavo comma del decreto 113 del 2018, poi convertito in legge: è la norma che abolisce i permessi di soggiorno per motivi umanitari, su cui lo Stato ha titolo di intervenire ma lede le competenze regionali e degli enti locali limitando l'erogazione di una serie di servizi di cui sono responsabili. La Regione Toscana ha impugnato anche l'articolo 1 primo comma lettera F, che interessa i permessi di soggiorno per stranieri vittime di violenza. Si è opposta infine all'articolo 21, primo comma lettera A, che estende il Daspo urbano ai presidi ospedalieri.


Tutti i comuni che hanno aderito al ricorso
Ecco l'elenco delle amministrazioni comunali che hanno chiesto alla Regione di opporsi anche per loro conto:

Abbadia San Salvatore
Bagno a Ripoli
Bucine
Calenzano
Campi Bisenzio
Campiglia Marittima
Capraia e Limite
Castagneto Carducci
Castelfiorentino
Castelfranco Piandiscò
Castelnuovo Berardenga
Castiglione d'Orcia
Cerreto Guidi
Certaldo
Civitella Val di Chiana
Collesalvetti
Cortona
Empoli
Fiesole
Figline e Incisa VA
Firenze
Fucecchio
Gambassi Terme
Greve in Chianti
Impruneta
Lastra a Signa
Londa
Lucca
Lucignano
Monsummano Terme
Montaione
Montelupo Fiorentino
Montepulciano
Monte San Savino
Montespertoli
Montopoli in val d'Arno
Murlo
Pelago
Poggibonsi
Pontassieve
Ponte Buggianese
Prato
Quarrata
Rosignano M.mo
Radicondoli
Reggello
Rignano sull'Arno
Rufina
San Gimignano
San Giovanni Valdarno
San Vincenzo
Santa Croce sull'Arno
Sarteano
Scandicci
Sesto Fiorentino
San Casciano dei Bagni
San Casciano Val di Pesa
Sinalunga
Talla
Trequanda
Viareggio
Vinci
Venerdì 1 febbraio 2019 alle 16:54:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News