Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 08.59 del 25 Maggio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Bus turistici, aziende al collasso. Servono protocolli uguali per tutti»

l'intervento della fit-cisl
Toscana - Riceviamo e pubblichiamo da Luca Mannini, segretario della Fit-Cisl Toscana Nord.

Le aziende dei Bus Turistici sono ormai ferme dal 21 febbraio, quando si scoprì il primo caso in Italia di covid-19. Da allora, nel giro di pochi giorni, furono annullate tutte le gite scolastiche in programma, un lavoro di circa due mesi tra programmazione, pubblicità e vendita dei pacchetti all’utenza.
Un danno enorme dunque per tutto il settore, avvenuto proprio alla vigilia dell’inizio della stagione turistica, considerando che marzo, aprile e maggio rappresentano oltre il 50% del fatturato annuale del comparto.
Da allora, a distanza di quasi tre mesi, i piccoli imprenditori del turismo, sono ormai allo stremo delle loro forze e chiedono aiuto!!!
Ci sembra d’obbligo pertanto come Fit-Cisl cogliere il loro grido considerato che il noleggio Bus in Toscana vanta circa 2000 autisti dipendenti a tempo indeterminato e, nel pieno della stagione turistica, ulteriori 800 autisti dipendenti a tempo determinato. A questi numeri vanno aggiunti altri 700/800 dipendenti circa tra accompagnatori, guide turistiche ed addetti alle agenzie di vendita.
Numeri questi che dovrebbero rendere bene l’idea di quanto sia importante l’intero settore per l’economia Toscana e quanti posti di lavoro sono interessati.
Con il covid-19 tutto si è fermato. I dipendenti sono in Cassa Integrazione ma con 730 euro mensili si stanno guardando intorno, si stanno rivolgendo al settore logistica / trasporto merci, rischiando di portare ulteriore danno alle aziende di noleggio che rischiano di perdere autisti formatisi nel corso degli anni alla guida dei loro bus. In un settore come questo, dove l’esperienza del dipendente è importantissima, sarebbe una vera e propria beffa. Non si diventa buoni conducenti dalla sera alla malattia solo per il semplice fatto di aver conseguito una patente. Patente che tra l’altro è da considerarsi a tutti gli effetti un vero e proprio Brevetto nonché un investimento visto che per conseguirlo occorrono ben 5.000 euro!!! Un vero e proprio investimento per i giovani dipendenti.
Dunque di cosa hanno bisogno i piccoli imprenditori di noleggio Bus per salvare le proprie aziende e conseguentemente salvare i tanti posti di lavoro dei dipendenti?
Tre cose essenzialmente: ripartenza, protocolli di sicurezza ed incentivi alle aziende uguali per tutti i Paesi dell’Unione Europea!
Ripartenza perché non c’è in ballo solo un discorso di mancati introiti. Ci sono spese fisse cui le aziende devono comunque far fronte come ad esempio l’ammortamento e la svalutazione dei bus.
Protocolli di sicurezza uguali per tutti i Paesi dell’Unione Europea in quanto i protocolli delle linea guida devono si garantire sicurezza, ma devono anche essere uguali in tutta Europa, per non creare concorrenza sleale tra aziende di bus facenti parte della comunità europea come ad esempio nei trasporti dei gruppi americani, giapponesi e cinesi in tour europeo.
Incentivi alle aziende uguali per tutti i paesi dell’Unione Europea in quanto gli aiuti che intende dare lo stato italiano alle imprese di noleggio bus devono corrispondere a quelli elargiti dagli altri paesi membri per non creare disparità tra aziende di paesi diversi.
Venerdì 22 maggio 2020 alle 13:26:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Vota il miglior numero 7 della storia della Carrarese


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News