Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 21.01 del 22 Luglio 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Estate in Toscana: in arrivo l’edizione 2018 di Calici di Stelle

Sponsor
Estate in Toscana: in arrivo l’edizione 2018 di Calici di Stelle
Toscana - Uno degli eventi enologici per eccellenza, Calici di Stelle, dà appuntamento a tutti gli appassionati di vini dal 2 al 12 agosto. La manifestazione dedicata ad un prodotto dell’eccellenza italiana, il vino, promette di attirare anche quest’anno l’attenzione dei visitatori italiani e stranieri. Le cantine italiane di tutte le nostre regioni apriranno le loro porte con degustazioni e numerosi altri eventi, coordinati dal Movimento Turismo del Vino, e destinati a diffondere la cultura del vino. La Toscana non sarà da meno, con un ricco programma che sarà ufficializzato nei prossimi giorni e metterà in risalto i suoi vini prestigiosi.

I migliori vini toscani secondo la stampa internazionale
Come orientarsi nel mondo dei vini toscani? Partendo dalla loro denominazione. Nella stampa straniera il primo a spiccare tra i vini DOCG (Denominazione di Origine Controllata Garantita) è il Brunello di Montalcino, il celebre vino rosso derivato dal Sangiovese nel 1800, con un ricco bouquet che unisce note speziate, di tabacco, frutti rossi e terra. Nel territorio senese si trovano anche le vigne del Nobile di Montepulciano, mentre è tra Siena e Firenze che si producono le uve per il Chianti Classico. Tra Firenze e Prato troviamo quelle del Carmignano, tra Arezzo, Firenze, Siena, Pistoia e Pisa quelle del Chianti, prodotto simbolo della tradizione enologica toscana, che ha contribuito a far conoscere i nostri vini in tutto il mondo. Non possiamo non citare il Morellino di Scansano (Grosseto) e il bianco Vernaccia di San Gimignano. Anche i vini DOC (Denominazione di Origine Controllata), dal Bolgheri di Castagneto Carducci al Candia dei Colli Apuani, passando per il Vin Santo del Chianti e di Montepulciano, hanno il loro indiscutibile appeal sui wine lovers. In totale, nel 2017, sono stati esportati vini toscani per un valore complessivo di 945 milioni di euro come riporta Il Sole 24 ORE, con una crescita dei bianchi rispetto ai più celebri rossi, che continuano tuttavia a mantenere il primato assoluto all’estero.

Il vino toscano: un prodotto di lusso degno di Louis Vuitton
Il fatturato del vino italiano è in continua crescita: lo scorso anno ha raggiunto la cifra record di 10, 6 miliardi di euro, grazie tanto alle esportazioni (in Gran Bretagna, USA e Germania in primis) quanto al consumo nel territorio nazionale, come ha ricordato pochi mesi fa la Coldiretti. Il 70% della produzione riguarda vini DOCG, DOC e IGT: tra questi figurano i vini toscani, talmente rinomati da essere considerati un vero prodotto di lusso, degno dell’interesse di un gruppo come LVMH. La carriera del suo CEO, Bernard Arnault, è stata ben riassunta da Betway unendo dati forniti dalla rivista Forbes e da Bloomberg: l’imprenditore francese, già milionario a 27 anni, a 48 è diventato miliardario, ed oggi ha un patrimonio di circa 79,3 miliardi di dollari. L’impero di cui è alla guida non si limita all’alta moda e alla bellezza, ma si estende ai vini e agli alcoolici con marchi rinomati quali Moët & Chandon, Krug, Veuve Clicquot, Hennessy e Château d’Yquem. Dagli champagne francesi LVMH potrebbe decidere di passare all’acquisto e alla commercializzazione dei vini toscani? Non ci è dato saperlo, ma data la situazione del nostro mercato e le esportazioni in Francia dei nostri vini (170 milioni di euro nel 2017, con un aumento del 93% in dieci anni e del 6% rispetto al 2016), si tratterebbe certo di un buon investimento.

Cosa aspettarsi da Calici di Stelle 2018: il programma della scorsa edizione
Nel 2017 il Movimento Turismo del Vino della Toscana e la Città del Vino, organizzatori di Calici di Stelle nella regione Toscana, hanno messo a punto un programma in cinque serate, che ha avuto inizio durante la suggestiva notte di San Lorenzo. L’idea alla base della rassegna era quella di celebrare la natura, da soli o con gli amici, accompagnando questa esperienza magica al vino toscano. Per l’occasione, le varie cantine aderenti all’iniziativa avevano aperto le loro porte ai turisti per una serie di visite guidate gratuite durante il giorno, e in serata avevano ospitato tutti gli amanti del vino tra i filari dei loro vitigni per un pic-nic all’aperto, animato da spettacoli, musica, letture di poesie e molti altri eventi. Dato il periodo durante il quale è stata organizzata l’iniziativa, quello delle stelle cadenti, gli organizzatori avevano anche offerto uno "stellario" con la mappa del cielo in agosto a tutti i partecipanti. Per l’edizione 2018 di Calici di Stelle, si attende ancora la pubblicazione del programma ufficiale dettagliato, che sarà presto disponibile sul sito del Movimento Turismo del Vino, ma si sa già che la manifestazione dovrebbe coinvolgere, come in passato, numerose cantine di ogni provincia toscana, da Lucca a Grosseto, con eventi originali e apprezzati dal pubblico.

Calici di Stelle è un’occasione unica per degustare i migliori vini italiani in un’atmosfera incantevole, approfittando nel modo migliore delle calde serate d’estate. Per chi in questo periodo si trova in Toscana, ovvero la terra del vino, si tratta a maggior ragione di un evento unico, a cui non è consentito mancare. L’appuntamento nelle varie aree della regione è per la prima metà di agosto, dal 2 al 12: vi suggeriamo di annotarlo in agenda per non perderlo, e di partecipare, se ne avete la possibilità, a più di una serata tra i vitigni del territorio.
Venerdì 29 giugno 2018 alle 14:52:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News