LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Più lavoro ma precario: nel 2017 l'economia toscana cresce, il quadro resta sofferto

L'analisi della Cgil. In provincia aumentano i cassintegrati del lapideo e i percettori di Naspi, cresce l'export

Più lavoro ma precario: nel 2017 l´economia toscana cresce, il quadro resta sofferto
Provincia - L’economia toscana continua a crescere, secondo l’analisi dei dati del primo trimestre del 2017 condotta da CGIL. La qualità del lavoro, d’altro canto, peggiora. La provincia di Massa-Carrara si dimostra in linea col quadro generale, salvo alcune situazioni che andremo a esaminare.

La Toscana continua a crescere ma il lavoro resta precario
La dinamica di crescita si consolida, il prodotto regionale arriva al +1,3%, rispetto al +0,9% del 2016. Trainano le esportazioni (+4%) e gli investimenti (+%3). I cittadini toscani continuano invece a mostrare cautela nei consumi; la loro situazione, in termini di ore lavorative e retribuzione, appare in effetti ancora distante da quella “pre-crisi”.

Meno disoccupati, più contratti a termine
Peggiora la qualità dell’occupazione: solo il 16% dei contratti è a tempo indeterminato, contro il 68% registrato lavoro a termine. L’occupazione si contrae nell’industria, ma migliora nell’edilizia. La crescita del terziario rallenta, l’agricoltura registra un calo importante (-14,3%). Cala il tasso di disoccupazione, che raggiunge l’8,1% con un regresso dello 0,7% rispetto al 2016. I disoccupati scendono a circa 141 mila unità. A fine 2017 cala anche la cassa integrazione di oltre il 30% rispetto al 2016: un dato che riguarda tutti i settori, ma in misura inferiore il metalmeccanico e il lapideo. Resta molto elevato il numero di percettori attivi di prestazioni di sostegno al reddito nelle diverse modalità, a conferma di una situazione complessiva ancora affannosa e difficile.

Nel lapideo di Massa i cassintegrati aumentano
Al consuntivo di fine 2017, la diminuzione della cassa integrazione è di oltre il 30% sul 2016. Il lapideo di Massa è fra i pochi settori/ territori in cui la variazione è invece in aumento. Nei settori terziari la cassa integrazione risulta ormai alquanto contenuta: un cassintegrato uno ogni 3500 lavoratori a Massa-Carrara (nella media regionale, uno ogni 22 nell’industria e uno ogni 1066 nei settori terziari).

Crescono i percettori di Naspi in provincia
Rispetto al 2016, in relazione alla Naspi (l’indennità mensile di disoccupazione per lavoratori licenziati), nel 2017 cambia il peso di alcune delle province: quella di Massa-Carrara registra un aumento relativo nel numero di percettori di Naspi (5,4% rispetto al 4,9% del 2016).

Anche a Massa-Carrara l’export va meglio
L’andamento dell’export del 2017 (III trimestre) appare positivo rispetto al 2016. La crescita dei settori agricoltura, meccanica, moda, industria estrattiva e la altra industria è stata del 6,1% fra il 2016 e il 2017 (III trimestre). Le esportazioni risultano positive in tutte le Province tranne che ad Arezzo (-2,6%) e Pistoia (-0,2%). Nella nostra provincia l’andamento dell’export ha raggiunto i 1.391 milioni di euro contro i 1.181 del 2016.
Lunedì 19 febbraio 2018 alle 18:00:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News