LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 19.44 del 23 Gennaio 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Confartigianato, allarme fisco tra pressione fiscale e "burofisco"

Il confronto internazionale basato sui dati dell’Ocse evidenzia per l’Italia un cuneo fiscale sul costo del lavoro dipendente che nel 2016 è stato pari al 47,8%, di 11,8 punti superiore alla media dei paesi avanzati.

Confartigianato, allarme fisco tra pressione fiscale e `burofisco`
Provincia - La Confartigianato Imprese di Massa Carrara, in collaborazione con il Centro Studi Confederale, evidenzia come, nonostante l’Italia negli ultimi anni abbia registrato un apprezzabile calo della pressione fiscale, persiste un ampio gap con gli altri Paesi europei su cui pesa una maggiore tassazione di fattori produttivi chiave quali il lavoro e l’energia.

Nel 2017 in Italia l'indicatore di carico fiscale (tax burden) calcolato dalla Commissione europea è pari al 43,0% del PIL ed è sceso di 0,8 punti rispetto al massimo del 2012, ma serve un ulteriore allentamento per riallineare la pressione fiscale alla media europea.

Il confronto internazionale basato sui dati dell’Ocse evidenzia per l’Italia un cuneo fiscale sul costo del lavoro dipendente che nel 2016 è stato pari al 47,8%, di 11,8 punti superiore alla media dei paesi avanzati (36,0%) ed il quinto più alto dopo Belgio (54,0%), Germania (49,4%), Ungheria (48,2%) e Francia (48,1%). Nel dettaglio il cuneo fiscale dell’Italia è la composizione del 16,4% di imposte su redditi da lavoro dipendente, del 7,2% di contributi sociali a carico del lavoratore e del 24,2% di contributi sociali a carico del datore di lavoro, voce che da sola rappresenta la metà del cuneo fiscale.


A quanto sopra si aggiunge un vero e proprio esiste un vero e proprio il labirinto di tasse e burocrazia (da qui è nato il neologismo “BUROFISCO”) nel quale rischiano di perdersi fino a morire i singoli contribuenti e le imprese «Anche nella nostra Provincia conosciamo bene le difficoltà delle imprese che devono far fronte a un eccesso di burocrazia e di tasse – dice Mascardi Gabriele, segretario generale di Confartigianato Imprese – ed i numeri del report del nostro Ufficio studi fotografano con efficacia una situazione che si fa sempre più insostenibile. Gli adempimenti burocratici e fiscali sono una palla al piede pesantissima. Così l'impegno degli imprenditori per recuperare competitività rischia di essere vanificato da troppe leggi e
adempimenti: l'augurio è che la rivoluzione del fisco digitale annunciata dal Governo rappresenti davvero l'occasione per voltare pagina. Nell'era dell'industria 4.0, che l'artigianato vuole vivere da protagonista, sarebbe davvero imperdonabile far scontare agli imprenditori handicap che non meritano.

Per i problemi sopracitati Confartigianato è a disposizione di tutti gli imprenditori con le consulenze dei propri professionisti qualificati per offrire risposte rapide e per trovare le soluzioni più adeguate.
Martedì 24 ottobre 2017 alle 21:32:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Via Fratelli Rosselli, 33 - 19121 La Spezia
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News