Ultimo aggiornamento ore 19.23 del 23 Agosto 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Auto e moto, un 2017 tra rincari e altre problematiche

Auto e moto, un 2017 tra rincari e altre problematiche
Provincia - Massa-Carrara — Il 2017 per quanto riguarda le polizze assicurative RC auto rappresenta un anno di svolta. Era stato già annunciato nel 2016 ed è arrivata la conferma dei rincari, che riguardano oltre alle assicurazioni per auto e per moto, anche i pedaggi autostradali, il caro carburante e tutta una serie di aumenti che ci portano ad avere un quadro della situazione piuttosto allarmante. Aumentano i pedaggi, le multe, dello 0,77%. Lo conferma Codacons consumatori. In pratica utilizzare auto e moto costerà sempre di più a partire da quest’anno in corso. Si tratta di un vero e proprio piano programmatico da parte dello Stato per ridurre l’utilizzo della propria autovettura, e per ridurre il livello di inquinamento nelle città ad alto rischio. Assicurare la propria auto, o il proprio scooter, ci costerà mediamente di più, già nel corso di questo 2017. Proprio per questo motivo bisogna armarsi di buona pazienza e studiare metodi alternativi per ridurre i costi di gestione della propria auto, a partire dai consumi di carburante, fino ad arrivare a una spesa inferiore per quanto riguarda le assicurazioni e le polizze RC auto.

Questo è il quadro della situazione, che fa emergere un altro dato piuttosto preoccupante: ci sono in Italia ben cinque milioni di auto scoperte, ossia non coperti da polizza. Ricordiamo che per legge nel nostro Paese è severamente vietato non solo circolare, ma anche tenere parcheggiata per una strada pubblica un mezzo sprovvisto di polizza RC auto. La sanzione in questo tipo di caso prevede una multa salata e il sequestro immediato del veicolo. Tuttavia, secondo l’ultimo censimento risultano essere ben 5 i milioni di veicoli scoperti da polizza. Bisogna poi avere un quadro maggiormente esaustivo della questione: nel 2014 i veicoli erano 3 milioni e 800 mila, quindi circa il 9% del parco circolante, e quindi nell’arco degli ultimi due anni e mezzo questo dato è incrementato di oltre un milione. Si tratta di dati non del tutto completi e che coprono l’arco temporale che va dal 2014 fino alla fine del 2016.

Tuttavia emerge un allarme in ottica di polizza: il cosiddetto caro assicurazione. Proprio per questo motivo c’è bisogno di soluzioni alternative al problema. Oggi per fortuna è possibile sottoscrivere una polizza moto online, e questo secondo i dati Codacons ha abbassato e ridotti le spese dei proprietari di auto e moto. In Italia ci sono realtà, specialmente periferiche dove è necessario possedere un mezzo di locomozione per spostamenti agevoli e per avere una certa libertà e autonomia di movimento. Mentre nelle grandi città la logica di abbandonare la propria auto o di ridurre il suo utilizzo ha sicuramente un senso civico, nelle piccole realtà periferiche difficilmente si rinuncia a tutto questo. Per fortuna grazie alle assicurazioni online oggi è possibile ridurre la propria spesa annuale, andando in controtendenza rispetto ai rincari che si sono verificati negli ultimi 18 mesi. Il 2017 si conferma quindi come un anno negativo per i rincari auto e moto ed è fisiologico trovare una soluzione alternativa, restando nel campo della legalità per risparmiare qualche euro in ottica di consumi, gestione e spese vive.
Giovedì 22 giugno 2017 alle 09:34:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara






VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore: Luca Borghini

Privacy e Cookie Policy