Ultimo aggiornamento ore 19.23 del 23 Agosto 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

"La nostra provincia ci ha sempre rimesso in Area Vasta"

Mannini (Cisl) all'attacco del sindaco Volpi: ‘’Stiamo diventando il 'deserto dei tartari'. Siamo uno dei pochi territori, se non l'unico, ad aver avuto effetti negativi quando le nostre aziende pubbliche si sono fuse a livello interprovinciale’’

`La nostra provincia ci ha sempre rimesso in Area Vasta`
Provincia - ‘’Fa bene il sindaco Volpi ad essere preoccupato per il futuro delle aziende apuane di igiene ambientale - si legge in una nota della Cisl scritta dal segretario del presidio Cils/Fit, Luca Mannini. ‘’Preoccupazione che purtroppo e con grande rammarico condividiamo. Conseguenza di un'incapacità politica tipica del nostro territorio provinciale’’.

‘’È inutile – continua – da parte dell'attuale sindaco, Alessandro Volpi, ribadire che la “regione ha un piano diverso e non interessante per il Cermec”. E Mannini ha evidenziato: ‘’E’ sindaco da quattro anni, fa parte del consiglio direttivo di Ato e in tutti questi anni non è riuscito a indirizzare il progetto regionale verso una direzione positiva verso il nostro territorio’’.

‘’Siamo una delle poche province, se non l'unica, ad averci sempre rimesso quando le nostre aziende sono entrate in area vasta. Lavoratori trasferiti, posti di lavoro migrati in altri lidi, peggioramento della qualità del servizio offerto al cittadino, aumento delle tariffe" ha aggiunto.

‘’Insomma l'Area Vasta che doveva servire a migliorare il servizio e le condizioni di lavoro, ha creato solo disagio tra i cittadini e incertezze nei lavoratori’’. Inoltre, continua, ‘’l'indecisione e il tentennamento che sono sempre regnati sovrani nei nostri politici hanno fatto sì di entrare sempre per ultimi nelle aziende uniche, con la conseguenza di non entrarvi mai da protagonisti ma solo da comprimari – prosegue il sindacalista – Le altre Province, vedendo oltre l’immediato, sono riuscite a inserire i propri Rappresentanti ai vertici amministrativi e tecnici delle varie società; presidenti, amministratori delegati, dirigenti tecnici, dirigenti amministrativi, capi dipartimento, capi settore’’.

‘’Addirittura – sottolinea Mannini – non siamo riusciti a spuntarla neanche nell'ottenimento delle sedi Amministrative, infatti, la sede principale della nuova Autorità di sistema portuale è a La Spezia, la sede di Ctt Nord è a Pisa, la sede di Gaia è a Lucca, la sede principale dell'Asl confluita nell'area vasta del nord-ovest è a Pisa, la sede della Camera di Commercio di Massa-Carrara, Pisa e Lucca è a Viareggio, la sede della futura sede Ato Toscana costa sarà a Livorno’’.

Poi continua: ‘’Insomma la nostra provincia, giorno dopo giorno, citando un il titolo di un famoso romanzo di Dino Buzzati, sta diventando il "deserto dei tartari" e all'orizzonte sembra non ci siano schiarite, anche perché ormai c'è rimasto ben poco da “saccheggiare” ‘’.
Ha continuato il segretario: ‘’Di sicuro, tanti posti di lavoro persi per strada che non faranno altro che incrementare il tasso di disoccupazione nella nostra provincia’’.

‘’E’ il momento delle scelte – conclude – Smettiamola di tergiversare, perché ogni giorno che passa si crea un danno alla comunità e ai lavoratori! Un buon sindaco decide non tergiversa!’’.
Venerdì 23 giugno 2017 alle 11:35:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara






VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore: Luca Borghini

Privacy e Cookie Policy