LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 00.03 del 20 Giugno 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Un omicidio e quattro arresti alla settimana: ecco il 2017 dei carabinieri | Foto

Reati in calo. Tutti i numeri sono stati presentati in occasione dei festeggiamenti per il 204° annuale dell'Arma

300 MILITARI A MASSA-CARRARA
Un omicidio e quattro arresti alla settimana: ecco il 2017 dei carabinieri<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/fotogallery/i-festeggiamenti-per-i-204-anni-dell-arma-dei-carabinieri-267_1.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Foto</a></span>
Provincia - Si è tenuta alla presenza di alte cariche militari e civili la cerimonia per il 204° annuale della Fondazione dell'Arma dei carabinieri presso il comando provinciale di Massa-Carrara. Ad aprire i festeggiamenti la lettura del messaggio augurale del Presidente della Repubblica, seguita dal saluto del comandante provinciale, Massimo Rosati, che ha illustrato l’attività operativa del comando provinciale.

«Siamo tutti qui per festeggiare la ricorrenza del 204° anniversario della costituzione dell’Arma dei Carabinieri – è intervenuto Rosati - avvenuta il 13 luglio del 1814 a Torino con le “Regie Patenti”, legge reale promulgata da Vittorio Emanuele I per costituire un Corpo di militari “per buona condotta e saviezza distinti”, incaricato di “contribuire alla difesa dello Stato in tempo di guerra e di vigilare alla conservazione della pubblica e privata sicurezza”. Le innumerevoli prove di coraggio e di tenace attaccamento al dovere durante la prima guerra mondiale valsero all’Arma dei Carabinieri la prima Medaglia d’Oro al Valor militare alla Bandiera, che fu concessa il 5 giugno del 1920. È da allora che l’annuale di fondazione viene celebrato in questa data».

Dall'Arma sono stati resi noti alcuni dati sull'operato dell'anno passato: 300 attualmente i carabinieri del comando provinciale che si articola su tre Compagnie (Massa, Carrara e Pontremoli), da cui dipendono 19 stazioni dislocate in quasi tutti i comuni della provincia, con 5.596 reati perseguiti, hanno contrastato il 71% del totale: i carabinieri procedono per oltre 2 reati su 3 di tutti quelli denunciati.

I militari dell’Arma di Massa-Carrara hanno segnalato all'Autorità Giudiziaria 3.633 persone (in linea con l’anno precedente), 212 delle quali tratte in arresto (poco più di 4 arresti alla settimana, 130 in flagranza di reato e le rimanenti in esecuzione di provvedimenti emessi dall'autorità giudiziaria).

Nell'ultimo anno è stato risolto un caso di omicidio, del quale si sono occupati i carabinieri del comando provinciale: nel mese di novembre, a Massa, un uomo, al culmine di una serie di annose controversie con il fratello legate a questioni di gestione del patrimonio ereditato, aveva ucciso il fratello passando più volte sopra il suo corpo con un’autovettura.

Il reato perseguito con sempre maggiore efficacia è stato il furto; grazie all'opera di prevenzione svolta la specifica fattispecie ha fatto registrare un calo del -3%. Sono state 42 le persone arrestate e 219 quelle denunciate a piede libero. In sintesi, i Carabinieri di Massa Carrara sono stati in grado di assicurare alla giustizia gli autori di circa il 6% dei furti consumati. Un ruolo di primo piano è rivestito costantemente dall’attività di contrasto allo spaccio ed al consumo, specie fra i più giovani, delle sostanze stupefacenti: 45 le persone arrestate e 62 quelle denunciate in stato di libertà. E particolare attenzione è stata dedicata alle truffe, specie quelle in danno di anziani, ed alle frodi informatiche: denunciate in tutto 129 persone.

Anche sul piano preventivo l'impegno dell'Arma è stato costante: del controllo del territorio sono state eseguite 12.758 pattuglie e perlustrazioni che, con l’impiego di 23.519 militari, hanno consentito di sottoporre a controllo 37.352 persone (+34%) e 28.350 veicoli (+43%).
Negli ultimi 12 mesi sono stati svolti, con la collaborazione delle amministrazioni comunali, 63 incontri rivolti soprattutto alle fasce più deboli della popolazione, come gli anziani, maggiormente esposte alle aggressioni della microcriminalità; i militari, dimostrando particolare sensibilità e senso di appartenenza alle varie comunità locali, hanno illustrato alle numerosissime persone accorse i principali accorgimenti per difendersi dalle varie forme di truffa e dalle tipologie più diffuse di furto, primo fra tutti quello in abitazione. Altro tassello fondamentale del servizio di prossimità è rappresentato dalla collaborazione con gli istituti scolastici: nel corso dell’anno scolastico che volge al termine 30 sono state le conferenze tenute presso istituti scolastici, con la partecipazione di circa 1.700 studenti delle scuole medie superiori ed inferiori, 8 le visite guidate all’interno della caserma, nell’ambito della diffusione della c.d. “cultura della legalità” a vantaggio degli studenti delle scuole elementari, medie e superiori.

Durante la cerimonia è stata annunciata la consegna delle ricompense in forma solenne ai militari che si sono particolarmente distinti nelle attività d’istituto.

Ecco tutti i nomi dei Carabinieri citati questa mattina:

- Il Maresciallo Maggiore Paolo Anselmo, della compagnia di Carrara, per aver condotto, nel 2015 a Viareggio, “ove prestava servizio, un’indagine conclusasi con l’arresto di 23 persone appartenenti ad un sodalizio criminale dedito allo spaccio di stupefacenti”;

- l’Appuntato Scelto Q.S. Roberto Montemagno, dell'aliquota radiomobile di Carrara, “che nel marzo dello scorso anno a Carrara, libero dal servizio, ha inseguito ed arrestato un uomo che poco prima aveva scippato una donna, recuperando la refurtiva”;

- i Carabinieri del Nucleo Investigativo, comandati dal Tenente Colonnello Tiziano Marchi, “che al termine di prolungate e delicate indagini: il 9 gennaio hanno arrestato 7 professionisti per associazione a delinquere finalizzata ad alterare le aste giudiziarie”, il 25 gennaio hanno arrestato 3 persone e ne hanno denunciate altrettante per istigazione alla corruzione, frode nelle pubbliche forniture e truffa aggravata in danno dell’A.N.A.S.; il 23 febbraio hanno arrestato un latitante che doveva scontare una pena di oltre 5 anni per associazione per delinquere, spaccio di droga e rapine; il 25 maggio hanno arrestato 13 componenti di un sodalizio criminale per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e furti in abitazione”;

- gli Appuntati Scelti Pasquale Di Vilio e Stefano Pellone, dell’aliquota Radiomobile della Compagnia di Massa, “che il 25 gennaio hanno arrestato due rapinatori che avevano appena svaligiato una sala scommesse a Carrara”;

- i Carabinieri della Stazione di Aulla, comandati dal Luogotenente Carlo Padova, “che il 21 aprile scorso hanno arrestato 3 persone per spaccio di 1 Kg di eroina e cocaina, sequestrando 17.000 euro in contanti ed una pistola con matricola abrasa”;

- i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Carrara, comandati dal Luogotenente Walter Calandri, “che il 24 maggio hanno arrestato 3 malviventi che avevano appena compiuto una rapina a mano armata ai danni di una tabaccheria”.
Martedì 5 giugno 2018 alle 16:12:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fotogallery


Notizie Massa Carrara




-
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News