LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 00.03 del 20 Giugno 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«A rischio l'assistenza ai ragazzi disabili nelle scuole»

La preoccupazione della Cgil: «Già oggi non tutti gli studenti degli istituti secondari possono usufruirne perché sarebbero finiti i soldi»

L'ALLARME
«A rischio l´assistenza ai ragazzi disabili nelle scuole»
Provincia - «I ragazzi disabili delle scuole secondarie rischiano di rimanere senza assistenza. Chiediamo la convocazione immediata di un tavolo Provinciale» si apre così la denuncia di Nicola Del Vecchio, segretario generale Nidil-Cgil Massa-Carrara. «Ad oggi – prosegue – non abbiamo avuto ancora risposte certe circa la riattivazione dei contratti delle operatrici socio educative che operano all'interno degli istituti secondari di secondo grado della provincia di Massa-Carrara per la prossima annualità e cosa ancor più grave in questi giorni non tutti i ragazzi possono usufruire dell’assistenza perché a quanto pare sono finite le risorse e i contratti scadevano il 31 maggio, ma la scuola è e resta aperta anche nei giorni di giugno».

«Esprimiamo grandissima preoccupazione – sottolinea Del Vecchio – sia per il mantenimento dei livelli occupazionali sia soprattutto per l’assistenza che rischia di essere preclusa, vorrei ricordare che le operatrici socio educative sono figure professionali che si occupano di effettuare assistenza e sostegno agli studenti disabili iscritti nelle scuole superiori. In queste settimane abbiamo assistito ad un rimpallo delle responsabilità che ha dell’incredibile, i comuni sembrano disinteressarsi del problema, la Regione Toscana latita, le scuole non hanno alcuna intenzione di emanare bandi per l’attivazione del servizio per il prossimo anno, l’azienda sanitaria non ha fornito risposte certe circa la possibilità di sostituirsi quale soggetto estensore del bando mentre la Provincia, che ad oggi era il soggetto che formalmente forniva le risorse derivanti dai trasferimenti nazionali e regionali si trova ingessata».

«La Provincia – conclude il sindacalista – su nostra sollecitazione ha avviato un percorso per comprendere quali possano essere le modalità di attivazione futura del servizio per l'anno scolastico 2018/19 visto che dopo il 31 agosto non sarà più possibile procedere con le forme contrattuali adottate fino ad oggi, che noi abbiamo denunciato essere totalmente precarizzanti della condizione di vita e di lavoro delle lavoratrici. Purtroppo però non abbiamo ancora ricevuto risposte soddisfacenti, per questo chiediamo la convocazione urgente di un tavolo provinciale alla presenza di tutti i soggetti istituzionali, nessuno può esimersi dalle proprie responsabilità».
Mercoledì 6 giugno 2018 alle 11:47:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News