LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Domani il Comitato Salute Massa Carrara in piazza per la sanità apuana

"non possiamo permetterci la sanità privata; questo territorio per vivere ha bisogno di servizi sanitari pubblici garantiti ed efficienti, senza di questi non c'è futuro"

SANITA'
Domani il Comitato Salute Massa Carrara in piazza per la sanità apuana
Provincia - Il Comitato Salute Pubblica di Massa Carrara torna in piazza per chiedere più attenzione sul futuro della sanità apuana: "Sono passati ormai ben quattordici mesi da quando il consiglio comunale di Carrara ha approvato all'unanimità un documento in 13 punti sul potenziamento della sanità pubblica territoriale. Nel frattempo ci sono state le elezioni a Carrara e la città ha avuto un cambio di amministrazione, ci sono stati incontri con la dirigenza ASL, la Commissione Sanità ha consultato esperti del settore, ma ancora, nel concreto, nemmeno uno di quei 13 punti è stato rispettato dall'asl".

Il Comitato prende di mira la casa della salute di piazza Sacco e Vanzetti: "Qualcuno, a suo tempo aveva attaccato un cartello con su scritto "Casa della Salute" davanti alla palazzina ASL di Piazza Sacco e Vanzetti, tentando di "venderci" per casa della salute una pseudo guardia medica aperta 12 ore al giorno che rappresenta un insulto alle legittime aspettative di miglioramento e di adeguamento della sanità territoriale di cui hanno bisogno i cittadini in seguito alla chiusura dell'ospedale cittadino e alla apertura dell'ospedale unico per acuti a Massa".

Domani i membri del Comitato consegneranno ai tre Sindaci della Conferenza Sanitaria Zonale Apuana una lettera che li sollecita a farsi valere nei confronti dell'Assessore alla Sanità regionale.

"Giovedì incontreremo anche il presidente del Conferenza Zonale, il sindaco di Massa Alessandro Volpi, sollecitandolo a convocare gli altri due Sindaci Francesco de Pasquale, di Carrara, e , di Montignoso", annuncia il Comitato.

Le proposte: "Carrara ha bisogno di due Case della Salute avanzate h24, una ad Avenza e una al Monoblocco, quest'ultima deve avere anche un punto di Primo Soccorso e Punto di Emergenza Territoriale. A Massa va realizzata una seconda Casa della Salute, che si affianchi a quella di Via Bassa Tambura. Soltanto così si può garantire un servizio sanitario territoriale adeguato e capace di sostenere l'attività di assistenza per acuti dell'ospedale unico. Senza case della salute adeguate, senza punti di primo soccorso nel territorio, l'ospedale unico non funziona e non potrà mai funzionare".

L'appello: "Invitiamo tutta la cittadinanza ad intervenire per sostenerci giovedi 15 alle ore 12.30 davanti al Comune di Massa numerosa, invitiamo chiunque abbia a cuore la difesa e l'applicazione concreta del diritto alla salute a partecipare e ad unirsi a noi. In un territorio dove le fabbriche chiudono una dopo l'altra, dove decine di migliaia di persone non hanno un lavoro, e quando lavorano non guadagnano abbastanza per arrivare alla fine dl mese, non possiamo permetterci la sanità privata; questo territorio per vivere ha bisogno di servizi sanitari pubblici garantiti ed efficienti, senza di questi non c'è futuro"!

Mercoledì 14 febbraio 2018 alle 09:56:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News