Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 21.24 del 20 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Miasmi al Lago di Porta: Comune e Arpat al lavoro per risolvere

Il problema delle maleodoranze si è presentato anche nell'area umida di Montignoso. L'assessore Poggi: «Progetto che coinvolgerà enti e famiglie per il monitoraggio del territorio»

NON SOLO LAVELLO
Miasmi al Lago di Porta: Comune e Arpat al lavoro per risolvere
Montignoso - Il problema di miasmi e forti odori non è soltanto legato al fosso Lavello tra i comuni di Massa e Carrara, ma anche a Montignoso nell'area umida del Lago di Porta. A questo proposito Comune e Arpat sono al lavoro per cercare di risolvere il problema sollevato dai residenti della zona.

«Questo è il primo incontro di un percorso che abbiamo avviato con Arpat per il monitoraggio degli odori provenienti dalla zona del Lago di Porta, un progetto che ci permetterà di acquisire ulteriori informazioni e conoscenze dal punto di vista tecnico e ambientale sull'area». Sono le parole dell'assessore Massimo Poggi al termine del confronto con la responsabile del dipartimento Massa-Carrara Arpat Gigliola Ciacchini e l'ingegner Donato Antonio Spinazzola avvenuto martedì scorso a Villa Schiff e che permetterà nei prossimi mesi di realizzare un progetto di studio per capire la natura delle maleodoranze avvertite nelle zone limitrofe al lago.

«Ci siamo attivati grazie alle segnalazioni che abbiamo ricevuto dai nostri cittadini – prosegue l'assessore – e abbiamo trovato l'immediata disponibilità dell'agenzia per una collaborazione che possa appunto chiarire il fenomeno delle emissioni odorigene causa di disagio. Accanto allo studio tecnico vorremo però allargare il progetto di monitoraggio con un questionario a campione da diffondere alle famiglie interessate che ci permetta di fare ancora più chiarezza sul problema. L'area di studio non sarà soltanto quella del Lago di Porta ma anche le fonti di immissione al lago e le zone confine».
Giovedì 6 settembre 2018 alle 12:39:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News