Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 23.08 del 25 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Arte e letteratura: A Villa Schiff doppio appuntamento con la mostra e la presentazione del libro di Stefano Carlo Vecoli

Un binomio perfetto che lega il linguaggio visivo a quello della scrittura. L'appuntamento per venerdì 6 aprile alle 17

Arte e letteratura: A Villa Schiff doppio appuntamento con la mostra e la presentazione del libro di Stefano Carlo Vecoli
Montignoso - Immagini reali che sconfinano nell'astratto, alberi, città, paesaggi e colori che rapiscono la mente in un vortice di emozioni, “Presenze Toscane” è tutto questo, "E' una narrazione pittorica e onirica di una regione, in cui sono nato e vivo, che è dentro ogni nativo e che
accoglie e al tempo stesso può intimidire chi viene da fuori
– racconta Stefano Carlo Vecoli, architetto, pittore, docente, che venerdì pomeriggio presenterà la sua mostra d'arte, fissata fino al 1 maggio – Presenze Toscane perché in ogni collina, in ogni campagna, in ogni piccola via di un borgo, o nelle maestosità di Piazza dei Miracoli o di Piazza del Campo si sente l’anima di un “tutto”, ed in ogni singolo paesaggio o scorcio urbano, trova senso e particolarità nella presenza di tutti gli altri".

Accanto ai quadri la presentazione del romanzo “Crescevano sogni” un racconto che si interseca nella generazione dell'autore tra il '68 e i primi anni '70. "Volevo scrivere una storia che potesse insieme far rivivere l'atmosfera di passioni e speranze che si respiravano in quegli anni – racconta Vecoli – E insieme parlare di amicizia, d'amore e di una storia di un gruppo di bambini di quegli anni formidabili per alcuni, di piombo per altri. Raccontare della Versilia ruggente, dei mitici anni sessanta, di un gruppo di ragazzi, di umili origini, che cresce e diviene adolescente. La tumultuosa passione politica di quegli anni si intreccerà con l’amore, le amicizie e andrà a scontrarsi, tra forti emozioni e sogni di libertà e ribellione, con una realtà in
cui si susseguono in Italia attentati e stragi, scontri ideologici e violenze fisiche"
.

Ma come si lega la scrittura all'arte visiva? "Rispondere a questa domanda non è semplice – conclude Vecoli – Direi che scrivere, per ora è stato un modo per riflettere sulle mie esperienze di vita, vissute direttamente o viste da spettatore. Mentre dipingere è un
momento di piacere visivo, anche fisico, in cui i colori soprattutto mi danno un senso di gioia. Direi che scrivere è più “doloroso” costringendo a riflettere e analizzare, dipingere è la ricerca della serenità e del piacere, di un mondo onirico e fiabesco, anche di una dimensione serenamente infantile. Scrivere e dipingere rappresentano un modo di vivere, di rapportarmi al mondo che mi circonda con un mio linguaggio, è un modo di porre alla attenzione degli altri mie riflessioni ed emozioni"
.

Nel corso della giornata spazio anche alla poesia con il Caffè Artistico Letterario Apuano: Stefano Bessi Carloni, Benedetta Cardone e Marina Marini Danzi, e Andrea Grillotti. Al termine Max Baroni e il gruppo Ex Statis presentano la performance “La pioggia nel Pineto” tratto dall'opera di Gabriele D’Annunzio.
Giovedì 5 aprile 2018 alle 17:02:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News