Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 21.09 del 23 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Rifiuti: il punto sulla discarica di Montignoso

Il consigliere Giannarelli (M5S) chiede alla giunta regionale un aggiornamento sull’attuazione della mozione votata dall’assemblea a dicembre. Fratoni: “Ottemperare alla mozione senza esporre la Regione a risarcimenti milionari”

Rifiuti: il punto sulla discarica di Montignoso
Montignoso - “Un aggiornamento e un sollecito” sull’adempimento della mozione approvata all’unanimità dal Consiglio regionale a dicembre, su iniziativa di M5S, per la chiusura immediata di cava Fornace di Montignoso e la bonifica del sito. Lo ha chiesto Giacomo Giannarelli, M5S, che ha così ottenuto, nel corso dei lavori in aula, la risposta dall’assessore Federica Fratoni. Quest’ultima ha rassicurato l’assemblea: “A differenza di quanto uscito sulla stampa”, ha detto, la giunta è convinta a rispondere non solo agli indirizzi del Consiglio regionale, ma anche a quelli di comuni e comunità territoriali, perché sia superato il punto di smaltimento di Cava Fornace.

Certo, ci sono nodi importanti da sciogliere. Un punto particolarmente delicato è quello dell’esame delle autorizzazioni: “Una volta rilasciate e non impugnate si traducono in diritti soggettivi dei singoli, delle imprese”, ha detto Fratoni, perciò “Dobbiamo capire come possiamo ottemperare alla mozione senza esporre la Regione a risarcimenti milionari”.

Parallelamente si è proceduto ad attivare un tavolo con il comune di Prato, vari comuni in rappresentanza di soci e anche con i comuni versiliesi coinvolti: Montignoso e Pietrasanta, ma anche Forte dei Marmi e Seravezza, “che comunque subiscono l’effetto indotto dalla presenza della discarica”.

In particolare Fratoni ha citato due temi: le evidenze ambientali e le eccezioni sollevate da Arpat; e il lavoro fatto sulle polizze fideiussorie, che in parte non erano adeguate e che nei mesi scorsi sono state riviste.

“Se le autorizzazioni consentissero margini di intervento particolarmente ridotti – ha aggiunto l’assessore – si tratterà con i comuni della Versilia per condividere il percorso verso la chiusura. Tutti vorremmo chiudere l’impianto; bisogna vedere le reali possibilità”.
Mercoledì 28 marzo 2018 alle 16:49:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News