Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 16.35 del 8 Luglio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Top 11 bianconera di sempre, il 10 va a Dante Bertoneri

E' entrato nella storia del calcio massese, come un mito leggendario le cui gesta solo in pochi hanno avuto la fortuna di apprezzare

Top 11 bianconera
Top 11 bianconera di sempre, il 10 va a Dante Bertoneri
Massa - La numero 10 della Top 11 di sempre U.S Massese 1919 è di Dante Bertoneri. Non poteva andare altro che a lui, nonostante siano stati molti i fantasisti che hanno fatto innamorare i supporters bianconeri, ma tutti sanno la storia di colui che, da tanto che se n'è parlato e da quello che ha fatto vedere nella sua inespressa carriera, è entrato nel libro del calcio massese come un mito leggendario le cui gesta solo in pochi hanno avuto la fortuna di apprezzare.

Un giocatore con la sua qualità, cresciuto nelle giovanili del Torino e titolare coi granata come regista di centrocampo a soli 17 anni, con 63 presenze e 3 gol in Serie A tra il 1980 e il 1983, alla Massese non sarebbe mai dovuto arrivare, se non a inizio o a fine carriera. Ma il rifiuto di abbassare la testa a dirigenti senza scrupoli, l'età molto giovane e l'assenza di un procuratore, lo hanno allontanato dal "Filadelfia" dopo tre anni giocati ad un livello assoluto. Gioca un'altra stagione nella massima serie con l'Avellino, con 22 presenze e 2 reti, ma poi viene stranamente dimenticato e scende in Serie B, con due anni opachi tra Parma e Perugia. L'inaspettato allontanamento dal Torino è una ferita che rimane aperta e la relativa depressione gli spegne le speranze di tornare sull'olimpo del calcio: così a soli 24 anni scende di altre due categorie e sceglie la Massese, la squadra della sua città, dove ovviamente è accolto a braccia aperte. Dopo due stagioni in bianconero, ne gioca un'ultima alla Rondinella e poi l'addio al calcio.

In molte delle sue interviste ha dichiarato che a Massa, nonostante fosse osannato dai concittadini e riconoscente per questo, spesso aveva pochi stimoli, dato che si era trovato in un batter d'occhio da giocare contro Falcao, Scirea, Platini e Zico a calcare campi di "periferia". Per questo il suo rendimento fu un pò altalenante ma anche nei momenti peggiori in C2 sbalordiva con giocate disarmanti. Pisasale, il miglior marcatore della Massese di quegli anni, parlando della squadra che sfiorò la promozione in Serie C1, con lo sfortunato spareggio perso a Montevarchi nel 1987-88, dice di lui: E poi Dante Bertoneri, quando aveva voglia ci faceva vincere le partite da solo."

Questa era la sensazione di chiunque lo vedesse dal campo e dagli spalti. In Serie A giocava come regista; a Massa, con Franzon e Mannoni, era mezzala, anche se venne impiegato in molti ruoli. Il trequartista in quegli anni era Puppi, altro gran giocatore, ma per lo stratosferico talento e per quello che è rimasto nell'immaginario collettivo, i tifosi hanno scelto lui per la maglia più importante.

Di seguito la graduatoria integrale della decima puntata del concorso:

BERTONERI 37
MARIANI 12
DE ANGELIS 9
PUPPI 7
BISCHERI 6
CHIARUGI 4
DELL'ANGELO 3
CERILLI 3
CHADI 2
ILARI 1
BORZONI 1
MARCON 1
ORLANDI 1
FICHERA 1
MANTOVANI 1
PLACENTINO 1
Giovedì 4 giugno 2020 alle 08:30:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News