Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 20.03 del 15 Agosto 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Nuova Massese, le prime parole del duo Buzzegoli-Del Giudice: "Dobbiamo diventare qualcosa di importante a livello italiano"

Progetti stellari e colpi di scena, questa la prima conferenza stampa della nuova proprietà

Nuova Massese, le prime parole del duo Buzzegoli-Del Giudice: `Dobbiamo diventare qualcosa di importante a livello italiano`
Massa - Una conferenza stampa di un ora e mezzo, quella fatta giovedì 14 giugno presso la sala stampa dello Stadio Degli Oliveti. Prende la parola Riccardo Buzzegoli (nella foto a sinistra) di Poggibonsi, che si presenta come una persona semplice e normale che lavora nel web marketing, presidente della società Kabajura Web, azienda sia di Web Marketing che di Consulting (che farà da finanziaria al progetto), e di altre aziende, ma alla prima esperienza come "datore di lavoro" di una squadra di calcio.

Parte la conferenza stampa e, rispondendo alle varie domande, dichiara che la trattativa è durata 2 mesi e alla fine Turba ha metabolizzato che la sua fosse la cordata più adatta per il bene della Massese. Dice di essere un procuratore (ormai ex) con 300 ragazzi, più i professionisti. Parte forte e e afferma che l'obiettivo della prossima stagione del centenario è la Serie C. Ha molto da dire e spazia moltissimo: parla di stadio, che deve diventare un luogo vissuto 365 giorni all'anno, un punto di incontro per tutti i cittadini. La sua società costruisce stadi, stadi a impatto ambientale zero, autogestiti con pannelli fotovoltaici, con negozi, ristoranti, bar, con cisterne per il recupero delle acque piovane per irrigare il campo. Conclude il capitolo stadio dicendo che dopo le consultazioni con l'amministrazione comunale, se ci sarà il credito sportivo, si affideranno a società inglesi con cui già collaborano, che daranno la possibilità di accedere ai dei crediti per far si che si possa ristrutturare tutto l'ambiente. Dice che vuole che la Massese diventi qualcosa di importante a livello nazionale, di scalata verso la Serie B.

Ha ancora molte carte da scoprire. La Massese sarà la prima squadra al mondo a non avere infortuni, per un motivo segreto che riferirà più avanti; non sarà lui il presidente ma il direttore generale, mentre il dottor Del Giudice (al suo fianco) il Vicepresidente. Il Presidente sarà un Massese, una persona squisita, conosciuto e ben voluto da tutta la città ma il cui nome è ancora Top Secret. Aggiunge che il primo giocatore sarà un Coreano che ha fatto la Serie A coreana. Poi parla di stipendi, non saranno "normali" ma a incentivare i giocatori, con rimborsi fissi, non faraonici, ma con maxi rata finale al raggiungimento dell'obiettivo; costruirà una squadra giovane, con ragazzi seri e diligenti che devono avere ottimi voti, devono sputare sangue per raggiungere gli obiettivi.

Vuole creare un sistema finanziario, una società vista come una azienda, per non avere mai problemi economici.

Ringrazia l'ex presidente Giorgio Turba più volte, per la serietà nella trattativa e per aver lasciato una società sana, in tutti i punti di vista.

Passando alla squadra enuncia che Magrini non resterà, che in ballottaggio ci sono tre allenatori di cui il nome per ora è un segreto, così come del direttore sportivo e delle altre cariche della società in formazione. Non esclude che qualcuno della vecchia dirigenza possa rimanere. Dopo avere affermato di poter attingere da un bacino di giocatori importantissimo, afferma che del vecchio gruppo potranno rimanere giocatori, anche se non sono ancora stati visionati. Quando gli si chiede il nome di almeno tre ragazzi sotto la sua procura fa una "gaffe" e, colto dall'emozione, fa fatica a ricordare il terzo che poi arriva con l'aiuto di Del Giudice.

Da importanza al settore giovanile e alla voglia di migliorarlo, dice che avrà un proprio organigramma diviso dalla prima squadra e chiude dicendo che non conferma la permanenza della collaborazione col Genoa, aggiungendo che potrebbero entrare come affiliate altre squadre importanti.

Quando parla di motivazioni e di ambizioni si emoziona, ha gli occhi lucidi e dimostra grande vitalità e voglia di dimostrare.

Parla di comunicazione, di social network, di gruppi whatsapp, blog per i tifosi e di nuovo sito internet, con idee e un sistema di merchandising per l'anno del centenario che porterà coinvolgimento, entrate, e grande entusiasmo in tutti i tifosi.

Il dottor Stefano Del Giudice, vicepresidente, interviene con più pacatezza, dimostra condivisione e affiatamento e dice la sua quando preso in causa, con più diplomazia rispetto al socio che si sbilancia molto, suscitando ovviamente, in alcuni dei presenti, sguardi sbigottiti e scettici.

Sicuramente nessuno si sarebbe aspettato una conferenza stampa del genere, con idee così innovative, quasi bizzarre. Di sicuro pensare alla Massese con uno stadio super, entusiasmo, obiettivi importantissimi, giocatori super motivati ma pagati con incentivo, coinvolgimento social e tutto il resto, è molto faticoso per l'uomo di calcio massese, perché è a conoscenza delle difficoltà della nostra città, anche di mentalità oltre che economiche, e sa che trovare le risorse per progetti così lungimiranti è veramente complicato. Quindi è normale che possa esserci un po di scetticismo di fronte alle parole dal Direttore Generale Buzzegoli che con molto coraggio non si è preoccupato di questa reazione. Vero è che senza dubbio il vecchio modo di fare calcio è finito, e i vecchi presidenti e sponsor che fanno budget ce ne sono, e ne saranno, sempre di meno.

Un modo di fare calcio moderno, ambizioso, "diverso" e innovativo sarebbe sicuramente una spinta motivazionale alla nostra città, ma sappiamo anche che è molto difficile da realizzare. Non rimane altro che aspettare con fiducia e ottimismo che questi nuovi investitori inizino a lavorare, e aiutarli (collaborando) a far si che il loro progetto possa svilupparsi con la spinta di tutte le persone (addetti ai lavori, tifosi e giornalisti) che gravitano attorno al mondo della Massese.

Giovedì 14 giugno 2018 alle 17:52:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News