Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 14.25 del 8 Luglio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Massese, Zana: "Avete fatto felice un ragazzo che ha voluto davvero bene al bianconero"

È il difensore bergamasco il numero 5 votato dai tifosi per la Top11 di tutti i tempi: "Quel 5 ce lo avevo stampato sulla schiena"

Top 11 bianconera
Massese, Zana: `Avete fatto felice un ragazzo che ha voluto davvero bene al bianconero`
Massa - Siamo arrivati al quinto appuntamento del sondaggio lanciato da Io Tifo Massese e Calcio Massa Carrara per scegliere la Top11 di tutti i tempi dell'U.S. Massese 1919.
Questa volta i tifosi massesi hanno votato per eleggere il numero 5 della particolare formazione e senza troppi dubbi, con il 37.5% delle preferenze, il popolo bianconero ha scelto: Francesco Zana.

È il difensore, o stopper per essere più precisi, bergamasco ad assicurarsi il prestigioso posto da titolare. Più che meritato riconoscimento ad una carriera che solo con la maglia della Massese vanta 217 presenze divise tra Serie C (113), Serie B (37), Serie C2 (33) e Serie D (34). Una vera e propria bandiera del calcio massese arrivato all'ombra delle apuane ad appena 20 anni come giovane promessa, per poi non lasciare più la città anche una volta appesi gli scarpini al chiodo.

"Questi sono premi che stanno arrivando col tempo. - commenta Zana - Ma per raccogliere qualcosa nella vita prima bisogna aver seminato. Sono arrivato a Massa a 19 anni e fare quello che ho fatto insieme ai miei compagni e amici è un importante percorso dal punto di vista personale.".
Zana è solo uno dei tanti giovani che sotto la gestione del presidente Vieri Rosati ha avuto l'opportunità di esprimere il proprio talento. Ma prima di riuscire ad arrivare a dominare il gioco, il bergamasco ha dovuto imparare dai più esperti, senza mai andare sopra le righe e attendendo con pazienza il momento che prima o dopo sarebbe arrivato a premiare il lavoro sodo. "Ho sempre avuto la caparbietà necessaria per fare bene. Quella era la mia prerogativa. Ho fatto esperienza dietro a squadre forti in quegli anni. Ma anche noi giovani che giocavamo di meno e che qualche volta la domenica finivamo in tribuna, il lunedì al campo non abbiamo mai lasciato indietro nulla. Ho sempre mantenuto un comportamento serio, da professionista quale dovevo essere. Poi la società ha visto in me la possibilità di fare bene e il presidente Rosati mi ha aperto le porte. Come dicevo prima, ho raccolto ciò che di positivo avevo fatto.".
Una volta conquistata quella maglia, non l'ha più mollata: "Quel numero 5 era come se fosse stampato sulla schiena. Non importava se giocassimo in bianconero, o in blu o in granata in trasferta. Il numero 5 era sempre lì.".

E Zana a Massa, come in tutta la sua carriera del resto, non ha deluso le aspettative. È lui lo stopper titolare nell'anno della promozione in Serie B e sempre lui il titolare anche nel campionato cadetto. "La Serie B a Massa è stata l'incoronazione della mia carriera alla Massese. - prosegue Zana - È stata una grande soddisfazione vincere quel campionato. Lo abbiamo meritato dopo le ottime stagioni degli anni precedenti.".

Dopo la prima esperienza a Massa, per il classe 1946 sono arrivate le avventure di Perugia in Serie B, Como con cui Zana avrebbe potuto giocare la massima serie se la sfortuna non lo avesse colpito con un grave infortunio, e prima del ritorno in casacca bianconera due fantastiche avventure al Sud con Benevento e Paganese in Serie C. Avventure in cui, come sempre, Zana ha inciso a suon di ottime prestazioni e che tutt'oggi rimangono pagine felici della storia della sua straordinaria vita calcistica. Come quando, con la maglia del Benevento, ha sfiorato la promozione in Serie B dopo una tirata lotta con il Lecce: "Quell'anno col Benevento andammo a Salerno, contro la Salernitana. Un derby sentito. Vincemmo con un secco 2-0 e conquistammo momentaneamente il primo posto a discapito del Lecce. C'erano 15.000 persone allo stadio. I tifosi del Benevento ci accompagnarono fino a casa. Quella stagione è stata un sogno."

Una leggenda mai scordata dai tifosi della Massese che, nonostante i tanti anni passati, hanno ben impresso quello che Zana, massese d'adozione, ha fatto per quella maglia e per la città intera. Ed è proprio ai tanti tifosi bianconeri che lo stopper rivolge il suo saluto: "Abbraccio i tifosi per il loro amore e rispetto. Mi riempie il cuore di gioia questa notizia. Mi avete fatto felice. Avete premiato un giocatore, ma soprattutto un ragazzo che ha voluto bene a quei colori bianconeri. Ho avuto la fortuna di regalare momenti di gioia alla tifoseria, dare tranquillità. Sono contento di aver contribuito alla crescita sportiva e umana della città di Massa. E soprattutto devo ringraziare tutti i massesi per avermi adottato."

NICOLA BONGIORNI

Martedì 26 maggio 2020 alle 08:01:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News