Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 21.47 del 9 Dicembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Massese sotto la lente tecnico/tattica

Tre punti fondamentali che riportano il sereno. Merito di una difesa granitica e di un super Posenato

Massese sotto la lente tecnico/tattica
Massa - Dopo quattro sconfitte consecutive la Massese ritrova i tre punti. Una prova gagliarda in un campo difficile e contro un avversario tosto. Alla fine la vittoria di misura grazie al gol di Kthella è il risultato più giusto, ma onore alla Pontremolese che ha cercato fino all'ultimo di rimettere la gara in parità. Una bella boccata d'ossigeno che riporta serenità nell'ambiente dopo un mese terribile. Ad Aulla si è vista una formazione rivoluzionata rispetto a quella delle prime uscite. Mister Gassani, dopo le molte partenze, fa di necessità virtù e punta sulla linea verde, con quattro fuori quota in campo dal primo minuto e per il resto, tolto Mussi, tutti nati dal 1996 al 2001. Una Massese giovanissima ma molto concentrata e con idee chiare. Modulo 4-3-3 con linea mediana con vertice basso.

Gassani che conosce il clima e tutte le insidie del "Quartieri" sceglie l'esperienza per la linea difensiva, con Cela e La Rosa centrali, Mussi spostato a sinistra e l'unico under Bonni a destra. Quest'ultimo tiene botta, terzino d'altri tempi con un buon passo, senso della posizione e pochi fronzoli. Gli altri tre, guidati da un Giacobbe perfetto, non sbagliano niente, negli ultimi venti minuti, sulle moltissime palle messe in mezzo dalla Pontremolese, sono onnipresenti e in uscita giocano puliti, innescando pericolosi contropiedi (mal sfruttati). Un bravo in più per Mussi che è l'autore del cross da sinistra che ha portato al gol.

La linea mediana, viste le caratteristiche delle due squadre e il campo impraticabile, è quasi sempre saltata. Bene il vertice basso, il 2000 Biserni, che da equilibrio, quando può gioca la palla e non fa rimpiangere l'assenza di Barbero. Marcon e Galloni corrono tantissimo, lottano e sono presenti nelle seconde palle. Esame superato per Galloni che, schierato in un ruolo complesso, sbaglia qualche passaggio facile ma nei novanta minuti dimostra di essere all'altezza.

La punta centrale Conedera fa la guerra tutta la partita con diretti marcatori, non arriva al tiro e non eccelle, ma da profondità e usa il fisico spalle alla porta. La differenza la fanno i due esterni alti, Kthella e Posenato. Il primo è una spina nel fianco, si rende spesso pericoloso ed è il lesto di tutti a mettere dentro la palla vagante della vittoria. "Don Juan" Posenato è il migliore in campo, imprendibile per gli avversari, salta l'uomo colpo su colpo, tiene sempre in apprensione la difesa azzurra. Nella ripresa mister Bracaloni prova ad arginarlo e dopo pochi minuti mette la difesa a 4, ma a poco è servito.

Dopo un mese di grattacapi, torna il sorriso al "diavolo" Gassani. Interpretazione della gara giusta, cura al dettaglio la fase difensiva, bravo nel motivare e rendere performanti ragazzi come Bonni, Galloni e Biserni che in una partita così complicata avrebbero potuto traballare. Sicuramente Posenato è una freccia micidiale che è mancata nella sua faretra in questi primi due mesi. Il prossimo avversario si chiama Camaiore che arriva agli "Oliveti" per difendere i due punti di vantaggio e la zona playoff. Questa settimana più serena gli servirà per preparare al meglio un'altra battaglia dell'imprevedibile campionato che si chiama Eccellenza.


Lunedì 11 novembre 2019 alle 15:42:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News