Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 21.49 del 16 Febbraio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Massese, Pantera: “Abbiamo bisogno dell’entusiasmo dei tifosi”

In conferenza stampa ha parlato il direttore generale della Massese, Dario Pantera insieme, al dirigente Davide Silicani

Massese, Pantera: “Abbiamo bisogno dell’entusiasmo dei tifosi”
Massa - Momento difficile per la Massese nel campionato di Eccellenza Toscana Girone A. Due sconfitte consecutive, l’ultima domenica scorsa in casa contro il Castelnuovo Garfagnana, hanno creato le prime critiche nei confronti dell’operato del mister Matteo Gassani e della nuova dirigenza. Oggi alle ore 18.00, presso la sala stampa dello stadio “Degli Oliveti”, il direttore generale Dario Pantera ha deciso di tenere una conferenza stampa, accompagnato da Davide Silicani, per chiedere il supporto di una parte dei tifosi che la scorsa giornata ha mormorato di fronte alla prestazione della squadra. I dirigenti hanno annunciato che, da adesso, né i giocatori né il “diavolo” Gassani risponderanno alle domande della stampa.

Ecco le dichiarazioni dei due dirigenti:

Pantera: “Dopo le sconfitte, come nostra consuetudine, ci siamo riuniti e ci siamo confrontati. Lo abbiamo sempre detto: abbiamo preso questa società per cercare di ricostruire quello che prima era inesistente. Ormai la Massese di grande, purtroppo, ha solo il nome e noi siamo arrivati per cercare di riportare questa gloriosa squadra nei posti che le competono. L’anno scorso sono state vinte due partite su trentotto, abbiamo toccato il fondo e adesso stiamo risalendo, piano piano, lavorando umilmente. Abbiamo sempre detto che siamo aperti a chi voglia darci una mano sia in termini economici che in termini di idee, il nostro obiettivo è quello di riconciliare la società con la zona, di creare qualcosa. Non abbiamo un patentato economico grande, ma dal primo giorno abbiamo pagato quello che c’era da pagare. Perché questa proprietà tira fuori 30.000 euro al mese. Oggi un giocatore se ne è andato, per motivi tecnici. Si tratta di Rrokaj, ma quello che gli spettava, cioè due mensilità, gli sono state pagate. Gli abbiamo pagato anche quella di novembre. Noi non vogliamo fare il passo più lungo della gamba, noi vogliamo fare del sano calcio. Non accetto le critiche di quelli che hanno rivangato il passato domenica, invocando persone che, possono avere anche fatto bene, ma hanno fatto spendere tanto alla Massese. Qualcuno domenica invocava Tazzioli, ma Tazzioli, contro cui non ho niente, ha fatto sì bene a Massa, ma ha anche fatto spendere tanto. Noi vogliamo fare le cose fatte bene, se qualcuno volesse darci una mano economicamente, possiamo prendere anche i migliori giocatori della categoria, non ci vuole tanto. Noi abbiamo un bilancio da coprire, non c’è solo la prima squadra, ma lo stiamo coprendo. Grazie a chi si è avventurato per il bene della Massese. Non è giusto che alle prime difficoltà venga criticato mister Gassani, perché lui ha più volte dimostrato l’amore per la Massese. Perché lui ha accettato fin da subito le condizioni. Ha sempre lavorato, scegliendo anche lui i giocatori alla nostra portata. Ha capito che questa società ha fatto il massimo sforzo e si è tirato su le maniche per il bene della Massese. Perciò non è giusto che alle prime difficoltà venga criticato, venga intimato ad andarsene. La Massese ha uno staff di prim’ordine che viene pagato nei tempi giusti, e Gassani è il nostro mister e lo sarà fino al 30 giugno. Siamo una famiglia. Purtroppo, in questo calcio malato fa più presa chi promette senza poterselo permettere che chi, invece, è sempre stato sincero e serio nel suo lavoro. Gassani non si muove di qui. E adesso se qualcuno vuole parlare deve farlo con me. Né i giocatori né l’allenatore parleranno, finché non avremo voglia di farlo di nuovo. Siamo sempre stati aperti, in primis il mister, ma adesso non è giusto che si prenda tutte queste critiche.

Mi piacerebbe vedere tanta gente in tribuna, perché quando si perde il rammarico è per quelli che tutte le domeniche si sgolano in curva, che seguono la squadra anche in trasferta e che la sera tornano a casa anche più tristi di noi. Vorrei che la gente capisse che c’è bisogno di entusiasmo, perché noi stiamo lavorando, non pensate che stiamo con le mani in mano. La squadra ha bisogno di entusiasmo e i veri tifosi si vedono nel momento del bisogno e questo è il momento. A volte basta un incoraggiamento, come quello che la curva ci ha fatto ieri. Lo sapevamo che dopo qualche sconfitta i numeri si sarebbero abbassati, ma è brutto vedere che con la San Marco erano 606 e invece domenica 276. Per costruire le squadre vincenti, anche se si hanno tanti soldi, ci vuole tempo. Il Grosseto ci ha messo 3 anni per salire e la Massese c’è stata dal 2009 al 2012 senza riuscirci, in passato. Fateci lavorare, senza criticare in modo distruttivo, cercando persone che nel passato sono venute anche a rubare.

Silicani:” Per la Massese calcio il progetto è nato dal nostro mister, Matteo Gassani, non dai giocatori che vanno e vengono. Noi come società Massese stiamo facendo progetti importanti, senza pubblicizzare perché non ci piace. Non molleremo mai, proteggeremo tutti i nostri dipendenti da qualsiasi intemperia, perché sono fondamentali per noi. LI abbiamo scelti con un’idea precisa e stiamo con loro tutta la vita. Andremo ancora avanti e svilupperemo le nostre idee col tempo. Se la squadra avrà bisogno di qualche ritocco, la società ha già messo a disposizione un budget, avevamo già un progetto in testa prima di partire. C’è sempre stato un interesse vero, fin dal Novembre 2018. Avevamo un impegno col Montignoso e abbiamo fatto bene portandolo a termine. E adesso che siamo qui, 100 volte più stimolati, non ci spaventa niente. Siamo una famiglia, vogliamo il bene della Massese, la riporteremo dove deve stare, col tempo. A me piacerebbe vedere gente allo stadio, abbiamo bisogno del pubblico. Non per i soldi, per molte altre ragioni. In questo momento i nostri giocatori sono sacri.
Martedì 22 ottobre 2019 alle 20:02:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News