Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 15.23 del 16 Luglio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Massese, ecco la nuova proprietà: «Faremo una squadra con gli ‘attributi’»

Venerdì sera nella tribuna dello stadio “Degli Oliveti” il gruppo locale con presidente Gianni Nepori si è presentato agli organi di stampa

Massese, ecco la nuova proprietà: «Faremo una squadra con gli ‘attributi’»
Massa - Si è tenuta venerdì 28 giugno la presentazione ufficiale della nuova proprietà della U.S. Massese 1919. Una buona parte dell'organigramma era presente nella tribuna d'onore dove è avvenuta la conferenza stampa. A prendere per primo in mano il microfono Antonino Maccarone, uno dei dirigenti, che ha presentato i membri della società: il presidente Gianni Nepori, il direttore generale Dario Pantera, il direttore sportivo Antonio Meazzini, l'avvocato Marzia Doveri, i dirigenti Gino Gassani, Davide Silicani, Luca Nani, Pierluigi Lattanzi (oggi assente) e infine mister Matteo Gassani.

Di seguito le parole di Nepori, Pantera, Meazzini e Gassani:

Presidente Nepori: “Sono il presidente della Massese, spero di essere all'altezza e farò sicuramente il massimo per esserlo. Nell'anno del centenario è un grande orgoglio: a 12 anni vidi per la prima volta la partita che ci porto nel 1970 in Serie B. Da quel giorno è nato il mio amore calcistico per questa squadra e ora a 65 anni ne sono il presidente, per me è un onore. Ringrazio coloro che mi hanno regalato questo sogno. Avrei un grosso desiderio: rivedere lo stadio pieno”.

Dg Pantera: ”E' un onore, perché qui a Massa ho fatto le giovanili, mi sono levato tante soddisfazioni, questi signori mi danno un opportunità importate e farò l'impossibile, perché questa società merita altri palcoscenici. Ripartiremo dall'Eccellenza e cercheremo di risalire quanto prima. Per promuovere serve una società forte e la nostra vuole mettere le basi per cercare di fare quello che manca da parecchio. Voglio ringraziare Cencetti, Ceccarelli e soprattutto Turba che ha lasciato la fideiussione permettendoci di essere qui oggi. Saremo umili, non molleremo mai, ascolteremo le critiche. Se ci date una mano tutti insieme sarà più facile tornare dove ci compete. Lavorerò 24 ore su 24, a 60 anni ho questa opportunità e me la voglio giocare al massimo. Per quanto riguarda il discorso dei debiti, ci è stato chiesto da Cencetti di affrontare la questione dei tesserati. Da ora in poi chiameremo i giocatori e li sistemeremo per quello che devono avere. Passando al settore giovanile, spero di poter disporre quantomeno di quei 92-96 ragazzi che dovrebbero far parte delle varie categorie, più una decina di primi calci, per avere la base da cui partire. Speriamo che chi a lavorato fino ad oggi possa darci l'elenco, per poter contattare ed esporre il programma ai genitori. Non esiste che i giocatori della Massese vadano a Seravezza, Querceta, Carrarese e altrove. Deve rinascerà l'amore per questa società dal basso, e dobbiamo creare una base. La mentalità che da il mister da in prima squadra deve esserci anche nel settore, per preparare i ragazzi all'esordio. Decisivo sarà l'apporto dell'amministrazione: se ci darà le strutture faremo il massimo per via che il settore rifiorisca”.

Ds Meazzini: “Ringrazio la società che mi ha chiamato, sono lusingato di essere qui. Sono l'unico che non è di Massa e in questo periodo ho capito l'attaccamento che c'è per questa società. Mi è stato dato un budget e quello va rispettato, mi metterò al servizio con l'esperienza e le capacita che posso avere. Un giocatore che viene a Massa deve essere conscio di venire in una piazza importante, qui ci vuole gente con le "palle", e qui cercheremo di fare una squadra con questi attributi. Ad oggi siamo a metà dell'opera, forse un po meno, fino a lunedì non si può firmare e quindi fino alle firme non c'è sicurezza. Per questo non si possono dare garanzie su nomi e cognomi anche se un po di nomi li abbiamo in mente: del Montignoso dovrebbe esserci Geraci, Mussi (in forze), Castellacci e Piscopo. La questione Fasson è da considerare bene, perché è di Genova e vanno valutate le cose col procuratore. Lunedì verranno a firmare due centrali difensivi importanti: gli ex San Miniato Basso Stefano La Rosa e David Simoncini. Poi dovrebbe essere con noi centrocampista ex Valdinievole Montecatini Matteo Marcon. Abbiamo poi un accordo verbale con un giocatore che attualmente è in Canada, centrocampista davanti alla difesa, ex Fiorentina, Pistoiese, Montevarchi, Fortis Juventus, adesso ha un contratto di due mesi Serie A americana. Ci sono poi ragazzini validi della Massese della passata stagione: Bonni, classe 2000 che sarà con noi, e un altro paio di ragazzi, vedremo l'adattabilità”.

Gassani: Buona sera a tutti, voglio ringraziare Cencetti e Ceccarelli, che mi hanno dimostrato stima e affetto; ringrazio gli ultras e in particolare Ciro i fratelli Segnani, che fin dal primo giorno mi hanno sostenuto; ringrazio l'amministrazione perché in questi momenti di passaggio di quote ci ha spinto con affetto; ringrazio la famiglia e in particolare mia moglie che è sempre stata al mio fianco; ringrazio la società e in particolare modo Nepori che mi ha dato la possibilità di dimostrare il mio valore e ringrazio i calciatori, che in 12 anni di carriera mi hanno accompagnato. Per me Massa non è un punto di partenza ma un punto di arrivo, il mio sogno è sempre stato quello di sedermi in questa panchina e oggi l'ho raggiunto. La mia squadra deve avere cuore orgoglio, dignità, senso di appartenenza e “palle”. Dal campo si si esce con la maglia zuppa, chi non ha la maglia zuppa non gioca più. Il mio calcio lo conoscete, fiato, grinta, orgoglio, senso di appartenenza. Qui non si gioca per un risultato, qui si gioca per una città intera, perché io ci metto la faccia. Il modulo per me è un dogma, quello che ha costruito le mie fortune è il 4-3-3. Io vado avanti per la mi strada, il direttore ha il compito di portare i giocatori, io di allenarli, credo nel mio lavoro”.

GIANLUCA MATELLI

Sabato 29 giugno 2019 alle 07:01:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News