Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 15.34 del 21 Gennaio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

L'intervista, Paolo Pantera: «Pronto per essere primo allenatore, ma solo in un progetto serio»

L'ex calciatore massese ha iniziato da tre anni la professione di allenatore come vice ad Albinoleffe, Sportig Recco e Vis Pesaro. Massese? «Situazione paradossale»

L'Intervista
L´intervista, Paolo Pantera: «Pronto per essere primo allenatore, ma solo in un progetto serio»
Massa - Ai microfoni di Calcio Massa Carrara l'ex difensore Paolo Pantera, centrale classe '85 che in carriera ha indossato maglie importanti come Sanremese, Crevalcore, Pietrasanta e Fermana e all'età di 30 anni ha deciso di appendere le scarpe al chiodo per intraprendere la carriera da allenatore. In questi primi anni è stato al seguito di tecnici navigati e si è formato molto come vice di Sassarini all'Albinoleffe, Panizzo e Mango allo Sporting Recco e da ultimo alla Vis Pesaro con Riolfo, al quale è ancora legato e attualmente in attesa di sistemazione.

Paolo dove sei in questo momento a fare calcio?
"In questo momento sono fermo. Dopo l'esperienza alla Vis Pesaro dell'anno scorso con mister Riolfo, quest'anno per ora non abbiamo trovato una situazione giusta per poter lavorare".

Come vedi la situazione Massese?
"La situazione Massese credo sia paradossale. Penso sia impossibile che nel nostro comprensorio solamente il presidente Turba abbia a cuore le sorti della Massese. Alla fine nonostante tutto è l'unico che ha dimostrato con i fatti di investire pe la Massese".

Cosa suggerisci ai tifosi per riuscire nell'impresa salvezza?
"Per i tifosi mi dispiace molto perché so quanto ci tengono e quanti sacrifici hanno fatto per salvarla, ben 3 volte... L'unico consiglio che posso dare è quello di stare sempre vicino alla squadra e sostenerla, perché nel calcio non si sa mai cosa può succedere. Oggi è tutto nero, domani può nascere qualcosa di positivo".

Saresti disposto, se ti chiamassero, ad inserirti nel progetto?
"Ammetto che quest'estate una cordata mi aveva cercato perché voleva rilevare la società, ma non se ne fece nulla. Dopo mi chiamò Dell'Amico per allenare la Juniores ma, come avevo ben capito, le cose erano poco serie e non accettai la sua offerta. Sicuramente mi farebbe molto piacere e sarebbe una bella e piacevole responsabilità verso i tifosi e la città".

Ti senti pronto per essere primo allenatore?
"Si mi sento pronto, ma solo se capitasse l'opportunita di una cosa seria, di lavorare con persone da cui possa imparare, con uno staff competente, anche iniziando con una Berretti o dagli Allievi. Meglio professionistici ma accetterei anche una Serie D".

Passando all'Eccellenza, un analisi delle nostre due San Marco Avenza e Montignoso...
"Sinceramente non ho mai visto una partita di entrambe le squadre quindi non posso giudicare. La San Marco, dopo aver trovato una stabilità societaria, raccoglie il buon lavoro del suo settore giovanile e penso che se si strutturano ancora di più possano puntare alla D negli anni futuri. Per quanto riguarda il Montignoso credo che stia facendo un buon campionato in un girone sicuramente meno qualitativo degli anni passati..."

Giovedì 3 gennaio 2019 alle 10:39:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News