Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 19.17 del 16 Ottobre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Un accordo per rilanciare Asmiu

L'atto votato in consiglio. I Cinque Stelle chiedono più chiarezza e di individuare eventuali responsabilità.

Il dibattito
Un accordo per rilanciare Asmiu
Massa - Settecento mila euro subito e 150 mila all'anno per i prossimi 10. Se tutto va bene, quindi, per il 2028 la partecipata Asmiu del Comune di Massa avrà i conti un po’ meno in rosso di quelli attuali. La proposta dell’amministrazione comunale è stata votata all'ultimo consiglio comunale, durante il quale è stato discusso appunto il tema dell’accordo transattivo dei crediti la cui riscossione da diversi anni non permette ad Asmiu di investire in personale e automezzi.

Durante l’incontro di martedì in sala consiliare prima della votazione sono stati diversi consiglieri sia di maggioranza che di minoranza che sono entrati nel merito della questione. Seppur un «atto dovuto», infatti, come è stato più volte nominato da un lato e dall'altro della sala consiliare, il riconoscimento del debito e l’accordo su come sanarlo da parte dell’amministrazione è anche un atto politico che implica l’assunzione di determinate responsabilità.

In particolare dal Movimento Cinque Stelle dei consiglieri Luana Mencarelli e Paolo Menchini è arrivata la richiesta rivolta all'assessore al bilanco Pierlio Baratta, di fornire più chiarimenti in merito alle modalità con le quali il debito è stato maturato. I pentastellati hanno presentato un ricalcolo della quota accumulata negli anni verso Asmiu basata su parametri Istat per la rivalutazione dei crediti che avrebbero ristabilito la cifra dovuta all’ente, stimata in questo caso in 1 milione e 200 mila euro. «Per questo», ha detto Mencarelli, «chiediamo di individuare eventuali responsabilità».

Ad intervenire anche il consigliere di Alternativa Civica, Sergio Menchini: «Veniamo da decenni di partecipazione confusa dei rapporti fra Asmiu e il Comune. La sostanza del problema ci da un invito al futuro: non occorre essere professore di diritto amministrativo per capire che quando un ente emette 5 milioni e 600 euro di fatture per servizi non rilasciati si tratta di occultare perdite di bilancio. Si apre un aspetto critico, quindi: o l’Asmiu rinuncia a tre milioni e 300 mila euro, o riconosce che queste fatture non hanno avuto prestazione effettiva, il che significherebbe che ci sono una serie di bilanci fortemente da rivedere. L’amministrazione si deve fare carico di questa problematica, non può fare finta di niente. Evidentemente ci sono cose che non sono chiare e sono da chiarire. Così come i responsabili. La mozione di Fratelli d’italia è condivisibile ma vorrei aggiungere un’esortazione al neo presidente di Asmiu affinché si presenti con lo stato delle cose».

Favorevoli al riconoscimento dell’atto il consigliere Lorenzo Martinucci, Sara Tognini e Antonio Cofrancesco, reduci da un sopralluogo nell'azienda.

L’assessore Pierlio Baratta si è detto «sconcertato per aver trovato una pluralità di perdite». Baratta ha denunciato bilanci «non approvati» e una situazione che renderebbe «grave» la posizione dell’ex amministratore di Asmiu Federico Orali. (nelle prossime ore verrà pubblicata la sua replica in merito alle dichiarazioni dell’assessore e del consigliere Sergio Menchini, nrd).
Dure le parole del sindaco Francesco Persiani: «mi si chiede chiarezza ma da quanto è mancata in questa città?». Qualche momento di tensione durante uno scambio di battute fra il presidente del consiglio Stefano Benedetti e il consigliere comunale Agostino Incoronato.
Al termine del dibattito è stata aperta la votazione che ha visto la mozione presentata da Fratelli d’Italia emendata da Alternava Civica. E che ha ricevuto esito favorevole da 27 consiglieri e l'astensione di 3 partecipanti alla votazione. Ora starà alla municipalizzata di cui è amministratore Lorenzo Porzano stabilire se accettare o meno a proposta del Comune di Massa.
Mercoledì 3 ottobre 2018 alle 16:00:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




VIDEOGALLERY

-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News