Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 13.34 del 12 Novembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Recupero villa Massoni, Barotti: «Silenzio assordante dal sindaco»

Il consigliere comunale torna a sostenere il ripristino dell'area per farne un muso o un luogo di cultura per la città

Cultura
Recupero villa Massoni, Barotti: «Silenzio assordante dal sindaco»
Massa - "Colgo con favore l'interessamento che la mia proposta ha suscitato ed in particolare la risposta dell'onorevole Ferri che ha portato, nelle forme parlamentari previste, la questione all'attenzione del ministro Franceschini, al contempo provo amarezza nel constatare come l'amministrazione Persiani, al pari di altri esponenti locali chiamati a rappresentare il territorio in altre sedi istituzionali, resti in silenzio". Così il consigliere Andrea Barotti in una nota in cui torna sull'argomento recupero di villa Massoni.

"La mancanza di proposte da parte della Giunta del cambiamento costituisce, unitamente alle altre difficoltà della maggioranza, un aspetto preoccupante visto che la città rischia di rimanere
immobile, di perdere opportunità di effettivo rilancio. La nostra Comunità non può permettersi di sprecare tempo dietro gli slogan, le contraddizioni (basterà considerare che oggi si chiede aiuto, per i contenitori del vestiario usato, a chi si è tentato di coinvolgere in una lotta politica) e le polemiche che, sin qui, hanno contraddistinto il governo del centrodestra! La confusione e la debolezza dell'azione amministrativa, palesata in oltre un anno, ha spinto perfino alcuni consiglieri di maggioranza, a cui deve essere riconosciuta la coerenza e la trasparenza, ad esprimere, nell'interesse della città, dure e ferme critiche a cui non sono seguite puntuali, precise repliche. La promozione pubblicitaria del territorio è necessaria, apprezzabile ma non basta! È controproducente confezionare un bello spot quando la realtà che il turista trova non è all'altezza del marketing. Immaginiamo cosa possa pensare e scrivere, specie sui social, un turista quando si ritrova, come avvenuto, tratti del litorale non balneabili, quando le spiagge sono sporche, quando il decoro lascia a desiderare o manca una programmazione di eventi di intrattenimento di qualità in grado di attirare visitatori non solo durante il periodo estivo".

"Le idee che ho lanciato, nel tentativo di aprire un dibattito, il recupero delle Ex Colonie in una
chiave diversa dalla mera conversione in residenze o fondi commerciali destinati, probabilmente, a rimanere vuoti, così come la nascita di un centro espositivo e di un giardino Botanico riportando in vita Villa Massoni (potremmo competere con la Versiliana) hanno il comune obiettivo di creare opportunità di lavoro quindi sviluppo culturale ed economico per la nostra Comunità. Mi sarei aspettato una reazione corale e credo che tutti i cittadini attendessero dal sindaco Persiani almeno la promessa di un impegno o la legittima opposizione, motivata da ragionevoli considerazioni, a tali progetti. Il silenzio credo susciti forti timori e dubbi in chi credeva che Persiani sarebbe stato un sindaco di rottura con il passato, basti pensare alla questione Gaia (una manifestazione popolare dovrebbe indurre ad una seria autocritica e non ad una autoassoluzione) che sta generando profonda delusione, malcontento nella cittadinanza. Tornando all'idea di rinascita della Villa Massoni vorrei sottolineare come la proposta di esporvi opere custodite nei depositi del Museo degli Uffizi segua l'indirizzo che il Ministero per i Beni culturali sembra aver assunto; per essere più precisi in un "corsivo" di una testata nazionale è apparsa la notizia che l'onorevole Franceschini abbia deciso di destinare significativi finanziamenti a biblioteche ed archivi e, come ha egregiamente scritto il commentatore, in quella tipologia di beni possono rientrare i depositi dei musei che costituiscono gran parte del nostro patrimonio artistico".

"Si tratta quindi di dar luogo, sostenendolo anche dal basso - sostiene Barotti - ad un piano di valorizzazione della ricchezza artistica custodita nei caveau dei musei affinché quelle opere, investendo risorse e competenze (conservazione e valorizzazione), siano "riportate alla luce". Credo che sia dovere di quanti vogliano bene all'Arte del nostro paese, all'eredità culturale dei territori far sì che la strada tracciata dal Mmnistro Franceschini in favore di ciò che è meno noto al grande pubblico sia l'occasione per portare l'attenzione sui tesori celati e quindi, per quanto riguarda la nostra realtà, anche su Villa Massoni che potrà diventare un magnifico scrigno in cui scoprire l'arte nascosta".
Mercoledì 6 novembre 2019 alle 10:05:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News