LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Mara Carfagna: «Francesco è l'uomo giusto per Massa»

La vicepresidente della Camera a sostegno di Persiani ha inaugurato la sede di Forza Italia. Il candidato sindaco: «Nessuna rivoluzione con questo Regolamento urbanistico»

MASSA AL VOTO
Mara Carfagna: «Francesco è l´uomo giusto per Massa»
Massa - «Il dieci giugno c'è in ballo la possibilità di riscattare un territorio che è stato mortificato da troppi anni di cattiva amministrazione. Dopo aver ascoltato l'avvocato Persiani sono ancora più lieta di essere qui oggi pomeriggio. Sono certa che Francesco saprà essere l'uomo giusto per Massa, sono certa che saprà essere un ottimo sindaco per restituire dignità, centralità e sviluppo al territorio». A partecipare all'inaugurazione della nuova sede di Forza Italia di Massa c'era anche la vice presidente della Camera, Mara Carfagna. Intorno alle 16,30 l'onorevole forzista ha fatto il suo ingresso nella nuova sede del partito in via Pascoli, dove ad attenderla c'erano il candidato sindaco per la coalizione di centrodestra di Massa, Francesco Persiani, accompagnato da Deborah Bergamini e Massimo Mallegni, eletti rispettivamente alla Camera e al Senato, il vice presidente del consiglio regionale Marco Stella, il capogruppo di Forza Italia, Stefano Benedetti e il coordinatore comunale di Fi, Giovanbattista Ronchieri.

«Mi soprende – è intervenuta la deputata Mara Carfagna - quando gli indicatori economici negativi sono riferiti ad una città del centro nord. Significa che qualcosa non va, che in tutti questi anni chi ha avuto responsabilità di governo non ha saputo mettere in campo competenza, capacità amministrativa di dialogo e di ascolto». In sostegno del candidato sindaco Francesco Persiani l'onorevole Carfagna ha voluto sottolineare tre qualità: «competenza, capacità umana ed entusiasmo». Qualità confermate anche dall'onorevole Massimo Mallegni che in vista delle prossime amministrative punta a ripartire dai territori: «Attorno al centro destra è indispensabile esperienza, territorio e civismo. A Massa ci sono le condizioni per vincere la città. Il destino della città è in mano ai cittadini: se volete cambiare dovete votare per il centrodestra, altrimenti rimanete nella situazione di oggi».

Del proprio programma elettorale, Persiani ha evidenziato i punti più importanti: la difesa del territorio, il decoro urbano, il turismo per rilanciare l'economia e la necessità di un «progresso cittadino» per superare la drammatica questione della disoccupazione giovanile. E proprio in queste ore il candidato sindaco si è espresso anche sulla recente approvazione del Regolamento urbanistico. Con una nota l'avvocato Persiani fa sapere: «Meglio dirlo subito – scrive l'avvocato - quando il regolamento urbanistico sarà finalmente approvato (e non si sa bene quando), non vedremo nessuna rivoluzione, anzi saranno in molti a restare delusi. Ci vorrà minimo un altro anno per la sua approvazione definitiva, inoltre l’esito della valutazione da parte della Regione non è così automatico come si vuole far credere alla gente e in sostanza avremo uno strumento che consentirà di fare ben poco rispetto a tutto quello che ora ci viene promesso. La questione urbanistica a Massa è particolarmente confusa a causa delle ripetute falsità e scorrettezze propinate ai cittadini: non è mai stato attivato alcun processo di vera partecipazione (solo formalità di legge) e ogni norma è stata calata dall’alto, mascherata di “mantra” ideologici.

Si è puntato fino dall’inizio a interventi concentrati che potessero essere gestiti “politicamente”, ideati per controllare in modo centralistico (opere pubbliche) la messa in sicurezza del territorio, impedendo di fatto l’attuazione di gran parte dei già pochi interventi di riqualificazione edilizia adatti a migliorare la qualità del territorio, quindi senza nessun incentivo reale alla riqualificazione e valorizzazione. Nella parte finale di approvazione delle osservazioni il livello di falsità propinate ai cittadini è aumentato a dismisura: infatti sono state approvate le controdeduzioni alle osservazioni presentate a seguito dell’adozione del Regolamento Urbanistico, ma questa è solo la prima delle fasi di approvazione del Regolamento Urbanistico a cui deve seguirne una ancora più complessa che è la conformazione al PIT (Piano di indirizzo territoriale avente valore di Piano paesaggistico). Questa fase viene svolta dagli Uffici Regionali dopo che sarà stato inviato lo strumento urbanistico aggiornato alle controdeduzioni perché sia valutato e verificato che sia idoneo. Qualora non lo fosse, gli uffici regionali potranno richiedere modifiche fino a che lo strumento non venga considerato idoneo e quindi possa essere definitivamente approvato. Cosa significa tutto questo? Che ci vorrà come minimo un altro anno per approvare quel Regolamento Urbanistico che secondo l’amministrazione e i suoi vari supporters cambierà le sorti della nostra economia».
Giovedì 17 maggio 2018 alle 22:47:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News