Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 08.02 del 20 Settembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Lavello, altissimi valori di escherichia coli nei pressi del depuratore

Sopralluogo dell'assessore Ravagli e della consigliera della Lega Montemagni: «La Regione intervenga al più presto». Giannarelli (M5s): «A rischio centinaia di posti di lavoro»

persiste il divieto di balneazione
Massa - Altissimi valori di colibatteri nei pressi del depuratore Lavello 2. Con questa situazione, senza una deroga, sarà difficile rivedere a breve un ripristino della balneazione sulla spiaggia della Partaccia. L'assessore all'ambiente di Massa, Veronica Ravagli, insieme alla consigliera regionale della Lega Elisa Montemagni, ha effettuato un sopralluogo lungo il Lavello, dove giovedì scorso sono state effettuate le analisi delle acque da parte di Comune e Arpat.

I risultati sono allarmanti: i valori di escherichia coli riscontrati sono altissimi. A questo proposito le due rappresentanti politiche hanno chiesto un tempestivo intervento da parte della Regione Toscana. «Si attivi Arpat il prima possibile – ha detto la consigliera leghista – questa situazione non nasce oggi, ma sta creando gravi problemi nella zona balneare. Intervengano al più presto Regione e Consorzio di bonifica».

Secondo l'assessore Ravagli, dal depuratore Lavello 2 ci sarebbe uno scarico continuo e potrebbe essere questa la causa dell'inquinamento riscontrato. «Le ultime analisi – ha affermato – dicono che i valori sono altissimi all'altezza del ponte di via Massa-Avenza. Chiediamo l'intervento della Regione per riuscire a trovare le cause di queste contaminazioni per tutelare la salute dei cittadini». Nel frattempo Gaia Spa, che gestisce il depuratore, sarebbe stata informata e avrebbe inviato dei tecnici per le verifiche.

Intanto sull'argomento legato al depuratore del Lavello interviene anche il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Giacomo Giannarelli. In Regione Toscana, infatti, i pentastellati avevano chiesto e ottenuto un confronto tra associazioni, operatori turistici e istituzioni: "L’appuntamento - spiega il consigliere Giacomo Giannarelli - era per il 28 giugno alle 15 a Firenze, ma nonostante la disponibilità iniziale degli assessori regionali Ciuoffo e Fratoni, la data è saltata per non meglio specificati giochi politici. Mi sono informato – prosegue - prima con le realtà coinvolte sul territorio, tra cui l’associazione Ageparc, poi con gli assessori Federica Fratoni e Stafano Ciuoffo. È indispensabile arrivare a soluzioni concrete: la pessima situazione ambientale rischia di avere anche seri risvolti negativi sull’occupazione in tutta la provincia di Massa-Carrara per questo avevo ritenuto opportuno concordare un tavolo di lavoro".

Alla riunione operativa dovevano essere invitati anche i sindaci delle due città principali della costa, rappresentanti di Gaia, il gestore del servizio idrico della zona, e Arpat, l’agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana. “La questione del Lavello – insiste Giannarelli - non è appannaggio di una parte politica. Stiamo parlando di un problema di tutti i cittadini e che quindi deve vederci uniti. Sono una ventina – evidenzia - gli stabilimenti balneari che hanno a che fare ogni giorno con i problemi legati alla mai risolta questione del Lavello. A questi vanno aggiunti circa 33 campeggi per un totale di 700 occupati. Molti imprenditori hanno giustamente richiesto il rimborso della quota pagata in tariffa per la depurazione delle acque. Dovremo valutare anche questo. Il tutto tenendo ben presente – conclude – che i problemi sulle acque reflue mettono a rischio, oltre all’ambiente, la stagione balneare e con essa centinaia di posti di lavoro”.
Martedì 11 giugno 2019 alle 07:01:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News