LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 22.20 del 20 Settembre 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Ieri sera alla festa del Mdp si è parlato di regolamento urbanistico e accordo di programma

Domani sera Enrico Rossi alla festa

Ieri sera alla festa del Mdp si è parlato di regolamento urbanistico e accordo di programma
Massa - FARE SQUADRA per contare di più come provincia, in Regione e a Roma, e rilanciare il territorio. Tutti d'accordo, almeno su questo punto, politica, sindacati e imprenditoria ieri sera al dibattito alla Festa dell'Unità Progressista di Articolo Uno Mdp al Parco di Ricortola. Relatori della serata Adriano Tongiani, Mdp Massa, l'onorevole Elisa Simoni, Paolo Gozzani, segretario generale Cgil, Franco Borghini, segretario generale Uil Area Nord Toscana, Sergio Chericoni, presidente provinciale Confartigianato, e Rinaldo Valenti, rappresentante gruppo ex Rational ed ex Eaton che si è da poco costituito per creare l'ormai famosa Cooperativa di lavanderia industriale. "Abbiamo grandi potenzialità – ha sottolineato Tongiani - come il marmo che produce 1 miliardo e 300 milioni all'anno a Massa Carrara e che potrebbe alimentare ricchezza diffusa se redistribuito. Ecco, se noi investissimo solo l'1% in ricerca e innovazione nel settore avremmo 13 milioni di euro da spendere ogni anno, da reinvestire in posti di lavoro produttivi, per ingegneri, chimici, per i reparti produttivi. Invece questi soldi vanno a finire chissà dove...". Gozzani ha evidenziato il processo di indebolimento del mondo del lavoro che in terra apuana diventa ferita profonda: "Siamo un territorio con una ricchezza impressionante ma, invece di avere sviluppo, abbiamo solo conflittualità: questo è fallimento politica. Nelle aree industriali dismesse ci sono rimasti terreni inquinati e vincoli di tipo idrogeologico. L'accordo di programma, quindi, è l'obiettivo da raggiungere il prima possibile per portare risorse e investimenti". E' questo il nodo: risorse e investimenti, che servono anche al sogno ex Rational. "La nostra lotta ha bisogno di chiudersi nelle prossime settimane – ha detto Valenti – per costituire la nostra cooperativa. I tempi sono il nesso: gli imprenditori possono aspettare anni per mettere le mani su quel capannone, noi no. Noi lavoriamo al piano di fattibilità ma abbiamo bisogno che la politica acceleri prendendo delle posizioni decise: ci sono 3,7 milioni di euro ex Eaton rimasti che possono essere utilizzati per dar corpo al progetto e, al tempo stesso, sempre la politica deve fare in modo che quell'area resti collegata alla produzione, così noi potremo fare la nostra proposta". Ecco che spunta il problema del Regolamento urbanistico: "Non si può aspettare il Ru del Comune di Massa per 30 anni – ha incalzato Chericoni – paralizzando tutte le iniziative imprenditoriale e le emergenze abitative che hanno bisogno di risposte. Ora il Ru c'è ma non si riesce ad approvarlo perché ci sono le elezioni e una certa politica mette i paletti fra le ruote. Se non si approva entro luglio dovremo aspettare ancora 7 od 8 anni, bloccando tutta l'edilizia e l'indotto. Ancora oggi paghiamo il prezzo del Sin voluto da Pucci e Segnanini che ha portato solamente danni al territorio. E ora, con la creazione delle are vaste e dei decentramenti, il nostro territorio non conta più niente". Gli effetti si vedono e li ha messi in luce Borghini: "I dati più recenti della disoccupazione danno la nostra provincia al 16% con una media nazionale ferma attorno al 10, invece. Quella giovanile, poi, si attesta al 50% a Massa Carrara. Il territorio è bloccato, senza sbocchi. Abbiamo passato decenni su come fare la reindustrializzazione del territorio e tutti gli sforzi finiti con il fatto che non siamo neppure area di crisi complessa, non c'è l'accordo di programam e siamo abbandonati a noi stessi. Bisogna metterci insieme per sbloccare queste situazioni perché davvero non contiamo nulla, basta ricordare la vicenda del porto: ci hanno accorpati a La Spezia senza dirci nulla, nonostante una lettera siglata da Comuni, sindacati e associazioni datoriali che chiedeva di dare continuità nella portualità della Toscana. E' il momento di serrare le fila e decidere cosa vogliamo fare altrimenti accadrà come con la Eaton: abbiamo fatto un accordo per 70 assunzioni che non è stato rispettato. Chi era il garante? Non c'erano le istituzioni presenti alla firma?". L'onorevole Simoni ha confermato che i dati sulla crescita ci sono, a livello nazionale, con un trend piuttosto duraturo ma sono deboli e congiunturali: la necessità, quindi, è quella di renderli strutturali superando la fase degli incentivi per passare a quella della politica dei grandi investimenti. A margine del dibattito, l'architetto Claudio Palandrani ha donato un quadro della sua collezione che sarà messo all'asta e il ricavato devoluto alla battaglia dei lavoratori Rational. La festa Mdp prosegue domani, domenica 27 agosto, alle 21 con il presidente della Regione, Enrico Rossi. Presenta Sabrina Bertelloni, consigliere Mdp Massa. Sarà intervistato da Marzio Pelù, responsabile della redazione di Massa Carrara de La Nazione, e da Massimo Braglia, responsabile della redazione di Massa Carrara de Il Tirreno.
Sabato 26 agosto 2017 alle 19:39:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





FOTOGALLERY


VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Via Fratelli Rosselli, 33 - 19121 La Spezia
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News