Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Foibe, Fdi: «Da sinistra si continua a negare, presentiamo esposto in Procura»

Foibe, Fdi: «Da sinistra si continua a negare, presentiamo esposto in Procura»
Massa - Riceviamo e pubblichiamo da Marco Guidi e Alessandro Amorese, rispettivamente coordinatore provinciale e capogruppo di Fratelli d’Italia.

A Massa una parte della sinistra continua a negare la tragedia delle Foibe e della giovane Norma Cossetto: Fratelli d'Italia presenta un esposto in procura. E' apparso su social e sui mezzi di stampa un comunicato firmato da diverse sigle della galassia di sinistra tra cui la casa rossa, l'associazione 31 settembre il partito della Rifondazione Comunista, in cui si continua a negare o giustificare la tragedia delle foibe, andando a mettere addirittura in dubbio l'episodio che ha visto la morte della giovane Norma Cosetto. "Tutto questo è inaccettabile, perché ancora una volta una parte della sinistra tenta, con ricostruzioni negazioniste, di infangare il ricordo e la tragedia delle foibe. Norma Cosetto, una ragazza di 20 anni barbaramente trucidata dai partigiani di Tito, rappresenta il simbolo più chiaro ed evidente dei tremendi fatti che colpirono le popolazioni italiane in quei giorni; circostanza confermata anche dalla consegna della medaglia d'oro al valore civile alla memoria a lei dedicata nel 2005 dal Presidente della Repubblica. Negare o gettare dubbi sulla tragedia delle Foibe e sulla figura di Norma Cosetto, significa compiere un grave atto negazionismo. Per questo motivi, Fratelli d'Italia presenterà nella giornata di domani un esposto alla magistratura perché si verifichi le condotte dei firmatari del comunicato negazionista. È bene ricordare a tutti che l’inasprimento della Legge Mancino voluto dal Parlamento nel 2016, prevede da 2 a 6 anni di reclusione nei casi in cui “la propaganda, l’istigazione e l’incitamento si fondino in tutto o in parte sulla negazione della Shoah o dei crimini di genocidio, dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra”. La tragedia delle Foibe fu un vero e proprio genocidio contro il popolo italiano. Credo che tutte le forze che siedono in consiglio comunale debbano condannare tali parole e prendere le distanze da chi, ancora oggi, continua a negare o cerca di riscrivere la tragedia delle Foibe, infangando anche la memoria della giovane Norma Cosetto, a cui proprio l' amministrazione comunale ha voluto dedicare la mostra allestita al primo piano del palazzo comunale.
Martedì 11 febbraio 2020 alle 21:41:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News