Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 23.54 del 18 Dicembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Ctt, di nuovo a piedi i bimbi di Resceto. Saltate 5 corse in un giorno

L'assessore Guidi valuta se presentare esposto in Procura. Reazioni dalla politica: Sì Toscana, Rifondazione, Forza Italia

Guasti continui
Ctt, di nuovo a piedi i bimbi di Resceto. Saltate 5 corse in un giorno
Massa - Cinque corse saltate in un solo giorno: utilizzare i mezzi di trasporto pubblico nella provincia di Massa-Carrara ad oggi risulta quasi un’impresa. Mercoledì, a Resceto, l’attesa dei bambini, e dei genitori che li hanno accompagnati alla fermata del bus, è stata delusa dal “salto della corsa”. Una pratica che purtroppo gli aspiranti studenti di Resceto stanno imparando a riconoscere, dato che dall’inizio dell’anno scolastico hanno avuto modo di osservarla già cinque volte. Vari disservizi del trasporto locale Ctt Nord si sono verificati anche a Carrara e il motivo sembra essere sempre lo stesso: guasti ai mezzi di trasporto che sono ormai obsoleti. E carenza di personale in officina per provare a riparlarli. Dal Comune di Massa l’assessore ai lavori pubblici Marco Guidi valuta la possibilità di presentare un esposto in procura per la sospensione del servizio pubblico da parte di Ctt. E i disagi dei cittadini del Comune di Massa e del Comune di Carrara arrivano anche in Regione Toscana.

Tommaso Fattori e Paolo Sarti di Sì Toscana a Sinistra hanno presentato un’interrogazione orale urgente: “Appreso dei gravi disagi – si legge nel documento - che hanno interessato il trasporto pubblico locale nel comune di Massa e che ha riguardato in particolare i collegamenti con i paesi montani verso i quali già il trasporto risulta insufficiente e con scarse corse durante la giornata e tenuto conto che questo sta determinando un disservizio soprattutto nei confronti degli studenti e mettendo in forte difficoltà i genitori” Sì Toscana a Sinistra chiede alla giunta regionale quali azioni intende intraprendere, nell’ambito delle specifiche competenze, affinché sia garantito in modo regolare il trasporto pubblico locale nel comune di Massa, in particolare verso le zone montane e quali politiche di rafforzamento della mobilità intende realizzare.

Il gruppo ricorda che proprio per ovviare all’urgente necessità di interventi rivolti a contrastare fenomeni di spopolamento delle frazioni montane e per sostenere e valorizzare le economie locali rispondendo adeguatamente alla domanda di servizi in termini di accessibilità assicurando un servizio essenziale come quello della mobilità, il programma regionale di sviluppo, attualmente in vigore, ha previsto lo specifico Progetto regionale 4 - Politiche per le aree interne e per la montagna. Sì Toscana a Sinistra rileva inoltre “che le difficoltà, riguardo la mobilità, sono accresciute con la decisione della gara unica regionale che, di fatto, ha privatizzato il servizio determinando tagli alle corse e un notevole peggioramento dello stesso soprattutto nelle zone più periferiche”.

A richiedere l'interrogazione in Regione il gruppo Massa città in Comune e Rifondazione Comunista: "Abbiamo chiesto ai consiglieri Regionali Tommaso Fattori e Paolo Sarti di intervenire presso la Regione - scrivono - chiedendo quali siano le misure che l'amministrazione Regionale vuole prendere in merito all'evidente fallimento delle politiche di trasporto. La nostra richiesta è stata chiara e portata immediatamente in discussione in Consiglio Regionale. Cittadine e cittadini, lavoratrici e lavoratori stanno pagando sulla loro pelle le scelte di altri, scelte scellerate che ancora una volta mettono in evidenza tutti i limiti delle privatizzazioni. A queste ci opporremo e le bloccheremo sul nostro territorio per evitare di dire un domani: ve lo avevamo detto".

A farsi sentire per il Comune di Carrara ci sono i forzisti. Il Capogruppo regionale di Forza Italia Maurizio Marchetti scrive una nota in cui chiede l’intervento della Regione. «La Regione assicuri che l’offerta di trasporto pubblico locale sia adeguata alla richiesta – scrive Marchetti - soprattutto nelle fasce orarie interessate dal pendolarismo in particolare scolastico e lungo tratte delicate come quelle che collegano il territorio di Massa Carrara al principale ospedale di zona, ovvero il Noa. Quanto sta accadendo con corse che saltano senza spiegazione né preavviso a danno in particolare di utenze delicate come studenti, dunque in gran parte minorenni, e malati o loro familiari non può andare avanti. Scegliere di prendere un mezzo pubblico e pagare perfino il biglietto o l’abbonamento, non può tramutarsi in una riffa quotidiana con scommesse su se passa e come, visto che alcuni mezzi sono così mal messi che vi piove perfino all’interno».

Con la ripresa a pieno regime delle attività scolastiche e lavorative, Forza Italia aveva sollecitato l’intervento della Regione per la presa in carico delle criticità che la rete di trasporto pubblico locale presenta. Ora Marchetti ribadisce le sue sollecitazioni ad adeguare le flotte, per numero e qualità dei mezzi, ai bisogni di mobilità dell’utenza soprattutto nelle fasce orarie di ben noto picco: «Che il trasporto su gomma nelle ore di punta si ritrovi sempre sottodimensionato non deve far alzare l’asticella della tolleranza», commenta Marchetti. «Ai viaggiatori viene richiesto il pagamento – prosegue – e a loro deve dunque essere corrisposto un servizio come si deve, e con ancora maggior compiutezza laddove si sa che a bordo viaggiano soprattutto ragazzi, anziani e malati. Altrimenti si fanno contratti di gestione e Carte dei servizi, ma poi manca la più banale delle pianificazioni».

(foto: repertorio)
Giovedì 15 novembre 2018 alle 19:13:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

A Massa tutte le sedute di Consiglio comunale si apriranno con l'inno nazionale. Sei favorevole o contrario?

Quanto spenderai per i regali di Natale?




























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News