Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Che cosa sta succedendo all'interno di Forza Italia?

Roberta Dei minaccia un esposto alla procura. E attacca: Benedetti inadatto a ricoprire il ruolo.

Che cosa sta succedendo all´interno di Forza Italia?
Massa - Il 13 agosto scorso dei 23 votanti del consiglio comunale di Massa, 15 hanno espresso un parere positivo riguardo l'eleggibilità di Sergio Bordigoni, attualmente seduto fra le fila della maggioranza per la lista di Forza Italia. Durante la votazione 5 consiglieri hanno invece evidenziato la propria contrarietà al riconoscere come legittimo il ruolo di Bordigoni a consigliere e 3 sono state le schede lasciate bianche, per una votazione che è stata preceduta da un lungo dibattito dove il solo Movimento Cinque Stelle ha espresso apertamente il proprio dissenso nei confronti della consigliatura di Bordigoni, da poco anche eletto presidente della commissione ambiente del Comune di Massa. Una discussione che nonostante l'esito favorevole della votazione non ha messo fine alla diatriba sollevata da Roberta Dei, dello stesso partito di Bordigoni, Forza Italia, e rimasta esclusa dal consiglio comunale proprio a causa dell'elezione di quest'ultimo. È stata Dei per prima ad affermare che la candidatura a consigliere di Bordigoni non sarebbe stata conforme alla legge, in quanto il consigliere, fino a qualche mese fa membro del consiglio di amministrazione della società partecipata Evam, non avrebbe presentato le dimissioni da quel ruolo entro certi termini.

Per poter partecipare ad una campagna elettorale, infatti, è necessario rassegnare entro una determinata data ritenuta “limite” le dimissioni da un ruolo ricoperto all'interno di un ente con partecipazioni del Comune. Secondo Dei questo limite non sarebbe stato rispettato e l'esito della votazione del 13 agosto sarebbe stato «viziato» dalla presenza del consigliere Bordigoni in aula, direttamente interessato dalla faccenda.

Per questo ha deciso di presentare un esposto in Procura, ricevuto in queste ore anche dal difensore civico regionale e preso in carico dal dottor Andrea di Bernardo, attraverso il quale chiede che venga fatta chiarezza sull'argomento: la candidatura di Bordigoni è in regola? Se così non fosse che cosa implicherebbe?

Nell'attesa di ricevere conferme o smentite dal difensore civico, questo è il testo integrale della dichiarazione rilasciata da Roberta Dei: «La gestione del dibattito – afferma Roberta Dei – e l’espressione del voto da parte dell’aula sono stati viziati dal fatto che il consigliere in questione fosse presente, prendesse parola e addirittura votasse. Questo comportamento risulta in contrasto con quanto previsto dall’art 78 comma 2 del Tuel che disciplina il conflitto di interessi da parte degli amministratori. Il consigliere Bordigoni aveva un interesse diretto a partecipare, collegato alla sua condizione di ineleggibilità. Dunque avrebbe dovuto astenersi obbligatoriamente come prevede l’art. 46 del Regolamento di Consiglio Comunale uscendo dall’aula prima dell’inizio del dibattito e rientrandovi a votazione conclusa. La gestione dei lavori del Consiglio Comunale da parte del Presidente Benedetti e del vicesegretario Tognocchi ha mostrato la loro totale inadeguatezza al ruolo che ricoprono, non solo perché non hanno applicato norme di cui avrebbero dovuto avere piena e completa conoscenza, ma anche perché, non fornendo all’interno Consiglio Comunale un parere di un soggetto terzo, non hanno aiutato i consiglieri a prendere una decisione basata su una completa informazione dal punto di vista tecnico amministrativo»

«Questo – prosegue – insieme di elementi mi hanno spinta a richiedere l’intervento della difesa civica regionale poiché la deliberazione di consiglio è illegittima. Il Comune di Massa dovrà ritirarla per riportarla nuovamente in aula con conseguente nuovo dibattito e votazione. Mi auguro che una vicenda dai contorni legali così delicati sia supportata, la prossima volta, da un parere tecnico di un soggetto terzo come l’Avvocatura Regionale oppure il Difensore Civico Regionale ma anche l'Anac. Voglio ricordare a tutti, addetti ai lavori e non, che il consigliere Bordigoni in data 24 Maggio 2018 partecipò a un Cda di Evam Spa, da lui richiesto come ricordato dal Dott. Pileri, esercitando dunque tutte le prerogative che spettano ai consiglieri di amministrazione. Così facendo dimostrò di non aver mai formalizzato le dimissioni secondo le prescrizioni dell’art. 2385 del Codice Civile. In quella seduta del Cda nessuno dei presenti fece verbalizzare alcunché sulla dichiarazione di rinuncia alla carica del consigliere Bordigoni; dunque la Presidente del Collegio Sindacale Cucurnia, che gestisce le procedure inerenti le dimissioni in una società di capitali, ritenne che non si fossero create le condizioni previste dalle norme dato che le dimissioni sono un atto ricettizio».

«Presenterò – sottolinea Roberta Dei – nei prossimi giorni un esposto alla Procura della Repubblica di Massa a cui fornirò ogni elemento utile a chiarire questa vicenda. I cittadini di Massa devono avere certezza che le persone nominate nelle società partecipate dal Comune, si comportino secondo i criteri di trasparenza e correttezza previsti dalla legge. Questa vicenda non è più soltanto una questione di eleggibilità/ineleggibilità del consigliere Bordigoni, la cui nomina a Presidente della Commissione Ambiente appare una pericolosa forzatura e presto se ne capiranno le ragioni, ma è una battaglia per l’affermazione dei princìpi di legalità nella gestione dei beni pubblici e nel funzionamento delle istituzioni democratiche. Pensare di poter giocare a nascondino con le dimissioni da una Spa pubblica, pensare di poter piegare le norme che regolano l’ineleggibilità degli amministratori a esigenze di bottega, pensare di poter modificare le comunicazioni societarie in base agli equilibri politici di maggioranza ma soprattutto pensare di potersi fare beffa delle norme che regolano lo Stato di diritto mi impongono di dover andare avanti per affermare i principi di legalità che hanno da sempre ispirato la mia azione politica e per cui sono stata votata».
Mercoledì 5 settembre 2018 alle 17:15:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News