Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 21.35 del 2 Aprile 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Barotti (Alternativa Civica): «La politica investa sull'innovazione»

Il consigliere interviene per commentare l'andamento dell'esportazione della provincia di Massa Carrara

Politica
Barotti (Alternativa Civica): «La politica investa sull´innovazione»
Massa - Pubblichiamo di seguito la nota del consigliere di Alternativa Civica, Andrea Barotti che interviene sull'andamento dell'esportazione della provincia di Massa Carrara.

"La politica - scrive il consigliere - dovrebbe esaminare con attenzione l'andamento dell'economia locale ed in particolare i dati relativi alle esportazioni. Il Pignone si conferma un motore estremamente importante non solo per il traffico commerciale dello scalo portuale, per il peso sulla bilancia delle esportazioni ma anche per il numero di dipendenti diretti e dell'indotto impiegati nella realizzazione delle macchine e degli impianti destinati al settore energetico. Lo sviluppo, con i relativi investimenti, del settore aereo creerà ulteriori posti di lavoro e molti giovani avranno, così, un futuro meno incerto. La politica deve approfittare di una realtà così importante per rilanciare la zona industriale! Le istituzioni locali, coinvolgendo la Regione, debbono scendere in campo per favorire la nascita del nuovo stabilimento, per superare quegli eventuali ostacoli, burocratici e non, che potrebbero rendere più complicato o rallentare l'apertura dei cancelli del nuovo insediamento produttivo. Un numero maggiore di occupati significa far crescere la domanda di beni e servizi con effetti positivi per altri settori economici; quando aumenta la capacità di spesa crescono anche i consumi e le saracinesche non si abbassano".

"I numeri del lapideo, invece, dovrebbero indurre ad una diversa e ancor più profonda riflessione e ciò anche in considerazione dei temi che, in prossimità delle festività natalizie, il Consiglio Comunale dovrà affrontare; infatti, oltre a registrare una flessione negativa delle quantità e dei valori, si rafforza una tendenza preoccupante ossia la crescita del commercio di prodotti grezzi (blocchi e lastre) ed una contrazione per il prodotto lavorato. In sintesi, non riusciamo a far crescere la filiera a valle delle Apuane, non siamo in grado di rilanciare i laboratori e tantomeno la produzione di macchine per il marmo (settore ormai scomparso anche dalle rilevazioni); aumentare, con adeguate politiche, i quantitativi lavorati è essenziale per incrementare i posti di lavoro, per ridistribuire la ricchezza che dal marmo deriva, per dare vitalità al terziario. Il trend che si delinea dovrebbe suggerire un'analisi ed una revisione delle strategie messe in atto poiché non possiamo accettare la progressiva trasformazione delle cave in miniere di materia prima che altri, a minor costo, lavorano! Su questo aspetto un noto programma televisivo nazionale, affrontando il tema della difesa del made in Italy, ha posto il caso di un'azienda cinese che offriva, nonostante i costi della logistica, un prodotto in marmo delle nostre Alpi ad un prezzo inferiore a quello di un laboratorio apuano. La politica, visti certi segnali, non può rimanere inerte poiché il rischio che corriamo è che la pluralità dei cittadini veda nelle cave una fonte di problemi, di costi sopratutto ambientali e non una risorsa che, se usata con equilibrio e con la consapevolezza della sua unicità, può dare prosperità ad un comprensorio fortemente depresso nonché essere fonte di energie da indirizzare verso quegli investimenti necessari per creare un diverso e nuovo futuro per le nostre Comunità. Dobbiamo iniziare a pensare che dal marmo potremmo ricavare quei finanziamenti di cui ha bisogno la ricerca in campo industriale per sviluppare nuovi prodotti o nuovi sistemi produttivi; sul punto basterà considerare che il marmo artificiale, come ben spiegato nel commento sui dati del lapideo, sta sostituendo, in molti casi, il marmo naturale. L'importanza del progresso tecnologico quale mezzo fondamentale per non restare indietro, per competere sui mercati europei ed internazionali ci è stata ricordata anche dalla Regione Toscana che ha premiato, per l'innovazione ecologica, Carrara Marble Way; l'azienda guidata dall'Ing. Giuseppe Baccioli, come Ecomar per il sicuro recupero delle sabbie portuali, costituisce un modello virtuoso che crea lavoro (in pochi anni è diventata una solida e promettente realtà), sviluppa nuove applicazioni e attua un'economia circolare rispondente alla crescente sensibilità ambientale. Dobbiamo aprire un dibattito, aperto al contributo dei vari attori economici e sociali, che parta dall'analisi della situazione fotografata dai numeri non solo del lapideo, per immaginare lo scenario che avremo nei prossimi anni per evitare il rischio di scegliere la strada sbagliata. In economia, specie nella fase in cui viviamo, avremo grandi cambiamenti dettati da una maggiore responsabilità verso il pianeta, da uno stile di vita più green e di questo le aziende, a partire dalle più importanti, iniziano a tenere conto sarebbe grave se la politica facesse finta di nulla e continuasse, specie quando ha l'onere di gestire e custodire beni della collettività, a proporre, senza i dovuti correttivi, un modello di sviluppo che potrebbe metterci fuori gioco; puntiamo sull'innovazione, usiamo meglio ciò che abbiamo per creare lavoro, per diversificare la produzione, per affrontare una fase ricca di incognite ma anche di grandi possibilità".
Domenica 22 dicembre 2019 alle 09:26:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Dilettanti, chi è stato il miglior allenatore fino ad oggi?













Chi è il miglior giocatore della Massese?



































Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News