Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 12.14 del 7 Aprile 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Asili, Marnica: «Mai avremmo lasciato le famiglie in difficoltà»

L'assessora replica alle critiche mosse dall'opposizione in merito all'esonero del pagamento della retta dei nidi d'infanzia

Scuola
Asili, Marnica: «Mai avremmo lasciato le famiglie in difficoltà»
Massa - “Coloro che contestano l’iniziativa dell’amministrazione comunale di esonerare il pagamento di due mensilità degli asili nido, forse avrebbero dovuto informarsi meglio perché, nonostante si vantino di saper trovare e conoscere gli atti amministrativi, non sanno che le fasce meno abbienti già non pagano le rette. Oltre a tutte le agevolazioni del caso stabilite in base alle fasce Isee. Mai avremmo lasciato famiglie in difficoltà: non avevamo fornito particolari dettagli in questo senso perché è risaputo che coloro che non hanno redditi alti godono di agevolazioni. A volte sarebbe meglio tacere piuttosto che andare contro la nostra amministrazione solo per il gusto di criticare anche quando si tratta di iniziative lodevoli”. Inizia così la replica dell’assessore all’Istruzione Nadia Marnica in merito alle dichiarazioni di diversi esponenti politici.

"Con il Piano di azione nazionale pluriennale sono stati finanziati al comune di Massa circa 230 mila euro -si legge in una nota di palazzo civico - da impegnare e rendicontare entro il 31 dicembre 2019 per una serie di servizi per l’infanzia; tra le varie iniziative, l’amministrazione del sindaco Francesco Persiani ha volutamente scelto di andare incontro alle famiglie in termini economici. Famiglie con Isee fino a 10 mila euro sono state esonerate dal pagamento delle rette dei nidi (età da 0 a 3 anni) per il periodo gennaio-giugno e con determina n. 2928 del 10 dicembre 2019 anche da settembre a dicembre. Avendo ancora a disposizione una cifra sostanziosa, il provvedimento è stato così esteso a tutte le famiglie che hanno figli iscritti agli asili nido comunali, indipendentemente dalla fascia Isee. Per la precisione 146 bambini e bambine. Non sarebbe stato possibile, come sostengono alcuni prolungare l’iniziativa al 2020 proprio perché le risorse statali utilizzate per concedere l'esonero dovevano necessariamente avere esigibilità 2019, cioè riguardare le rette relative all'anno 2019, pena la restituzione delle somme riconosciute dal Ministero".

“Significa che se non avessimo utilizzato i fondi del Piano di azione nazionale entro questo mese, li avremmo dovuti restituire e ciò avrebbe comportato, in futuro, la possibilità di vederci riconosciuti meno soldi – spiega ancora l’assessore – avremmo potuto scegliere di ridare indietro tutte le risorse, di utilizzarli per altri servizi, invece abbiamo voluto fortemente e consapevolmente sostenere economicamente i concittadini che, i soldi risparmiati, possono usarli per altre spese e pagamenti”.

Ai 146 bimbi iscritti agli asili nido se ne aggiungono 12 degli asili nido accreditati, ossia posti a cui il comune di Massa si affida in caso di esaurimento posti nelle strutture comunali. “Solitamente la convenzione deve ripartire ogni anno da settembre, ma a causa di ritardi burocratici la stessa quest’anno è partita dal mese di dicembre, per questo l’esonero del pagamento della retta è ridotto ad un solo mese. Inoltre, essendo per noi a tutti gli effetti iscritti ai servizi comunali, l’amministrazione comunale ha riconosciuto fino a giugno e riconoscerà all’asilo nido accreditato 350 euro a bambino ogni mese in modo tale che quelle famiglie non si trovino a pagare rette più alte rispetto ai nidi comunali”.
Mercoledì 18 dicembre 2019 alle 19:27:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Serricciolo?




















Chi è il miglior giocatore del Don Bosco Fossone?























Coronavirus, mascherina obbligatoria in Toscana. Tu sei d'accordo?

















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News