Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Alberti (Pd):«L'Anpi rappresenta la comunità dal 1945»

Il consigliere comunale contesta le parole di accusa del presidente del consiglio Stefano Benedetti

Alberti (Pd):«L´Anpi rappresenta la comunità dal 1945»
Massa - "Stamattina c'è stata l' ennesima provocazione di Stefano Benedetti, che dall'alto del suo ruolo istituzionale ha di nuovo attaccato frontalmente l'Anpi quale associazione fiancheggiatrice di movimenti e partiti che negano quelle tragedie e magari "ispirano" i vandalismi alle targhe che ricordano le vittime delle foibe e l'esodo delle popolazioni giuliano-dalmate-istriane. Benedetti il giorno del ricordo lo trasforma nel giorno delle invettive". Così in una nota il consigliere comunale Stefano Alberti del Partito Democratico.

"'Anpi è e rimane un patrimonio di tutti, un bene comune, non solo per una memoria collettiva condivisa ma soggetto per rinnovare e affermare gli ideali e i valori custoditi nella nostra Costituzione. Costituzione nata dalla lotta di Liberazione, dalla Resistenza, dal sacrificio di chi ha combattuto per liberare l'Italia dal fascismo e dal nazismo. Patriottismo ben diverso da quello su cui sorse la Repubblica Sociale Italiana, stato fantoccio alla mercé di Hitler, che non solo ha collaborato e fiancheggiato il nazismo, ma certe volte persino surclassato. In un giorno di rinnovato dolore per le tragedie che colpirono molti nostri connazionali e l'esodo da quelle terre di migliaia di cittadini di nazionalità italiana, il presidente del Consiglio Comunale di Massa ancora una volta, a freddo, inveisce contro un'associazione autorevole non solo per il grande lavoro culturale svolto per curare la trasmissione di una memoria collettiva condivisa e dei valori democratici che essa esprime, ma al tempo stesso rappresentativa di una comunità e di un territorio tramite i migliaia e migliaia di iscritti che dal 1945 vi hanno aderito: partigiani, cittadini e, ultimamente, giovani. Non più un'associazione di reduci partigiani, ma anche di tutti coloro che si riconoscono nei valori della Resistenza e dell'antifascismo".
Mercoledì 12 febbraio 2020 alle 13:05:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News