LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

"Tutti credono che Evam debba restare pubblica"

Così in una nota Giacomo Bugliani, Dina Dell’Ertole, Stefano Alberti, Luca Anghelè, Daniele Carmassi e Graziella Lazzerini.

`Tutti credono che Evam debba restare pubblica`
Massa - Tutti credono che Evam debba restare pubblica. A dirlo è a ribadirlo sono i consiglieri PD Giacomo Bugliani, Dina Dell’Ertole, Stefano Alberti, Luca Anghelè, Daniele Carmassi e Graziella Lazzerini.

"Ultimamente -spiegano-sembra che ogni questione che l'amministrazione non riesce ad affrontare adeguatamente sia dovuta a responsabilità di fantomatici consiglieri renziani o sia dovuta al congresso del Pd. Giustificazione senza senso e sicuramente troppo semplicistica. In occasione dell'ultimo consiglio comunale, i sottoscritti consiglieri del PD non hanno fatto altro che effettuare scelte coerenti con il quadro normativo di riferimento.
Noi siamo convinti che Evam debba restare pubblica, ma, per fare ciò, era necessario che l’amministrazione comunale mettesse con tempestività in atto tutte quelle azioni che consentissero ad Evam di essere compatibile con il dettato del decreto Madia e di restare, quindi, pubblica. Stando così le cose e non essendo stato fatto in tempo utile quanto necessario, il quadro ricognitorio delle partecipate è destinato ad ottenere un giudizio negativo della Corte dei Conti, con ogni negativa conseguenza anche per Evam, il cui valore e la cui utilità pubblica noi vogliamo assolutamente preservare. E' per questo che abbiamo votato contro il documento presentato dall'amministrazione, in quanto non in linea con la legge Madia, come dimostra anche il parere reso dal dirigente competente. Ancora una volta, però, pesano i ritardi dell'amministrazione comunale. Il documento è stato presentato l'ultimo giorno utile, senza nessun dibattito sia all'interno della maggioranza che del gruppo consigliare del PD: il tutto mentre le altre amministrazioni toscane avevano deliberato già da alcuni mesi. Ancora più grave è il ritardo dell'amministrazione in ordine alla progettualità della società Evam. Se questa è una società commerciale, come in effetti sembra essere, s’imporrebbe una chiara assunzione di responsabilità e una sua conseguente cessione. Se invece la si vuole come società che opera per lo sviluppo del territorio allora chiediamo all'amministrazione e al sindaco perché ad oggi non è stata posta in essere in alcun modo l'attività necessaria per darle valenza pubblica e perché non è stato utilizzato il marchio Evam per promuovere lo sviluppo della montagna e per favorire nuova occupazione. Infine vogliamo rassicurare Mdp: la nostra volontà non è di mettere in discussione il posto di lavoro dei dipendenti , ma di creare nuovi posti di lavoro anche grazie ad Evam. Le regole, però, vanno rispettate: se si vuole un’Evam pubblica, questa deve svolgere un’attività pubblica e noi siamo pronti a raccogliere questa sfida. Il resto sono solo chiacchiere e demagogia di basso profilo.
Mercoledì 8 novembre 2017 alle 13:22:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




FOTOGALLERY



VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Via Fratelli Rosselli, 33 - 19121 La Spezia
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News