Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 11.06 del 7 Aprile 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

"Resistenza" di febbraio e lettura collettiva allo Spazio Popolare

`Resistenza` di febbraio e lettura collettiva allo Spazio Popolare
Massa - Per giovedì 20 febbraio, alle ore 17.30 c/o lo Spazio Popolare di Via San Giuseppe Vecchio, la sezione di Massa del Partito dei Carc organizza la presentazione di Resistenza del mese di febbraio e la lettura collettiva dell’articolo “Imporre con la lotta il governo che fa gli interessi dei lavoratori”.

A questo momento di formazione, seguirà il confronto sulla situazione in cui riversa il nostro territorio (e il mondo intero) e su come adoperarci per porre rimedio, qui ed ora, ai problemi e alle difficoltà che operai, e masse popolari tutte, ogni giorno si trovano ad affrontare.
A tal proposito presenteremo l’attività che come sezione locale svolgeremo da qui ai prossimi mesi per dare la possibilità, a chiunque lo desideri, di partecipare per contribuire alla costruzione del nuovo mondo. "Possibile e necessario".

"I lavoratori e le masse popolari hanno bisogno di un loro governo e lo possono costituire - scrivono i Carc in una nota - Non attraverso le elezioni, non chiedendo il permesso e non rispettando la cappa di legalità della classe dominante. Devono imporlo. Hanno bisogno di un loro governo perché l’operaio dell’Ilva di Taranto non è nemico della mamma del quartiere Tamburi, ma sono alleati. Perchè l’operaio del cantiere Tav in Valsusa e il cavatore di Massa Carrara sono accomunati dalla necessità di lavorare, non dalla sete di profitto di chi specula sulla devastazione ambientale. Alla pari, l’impiegato non è nemico dell’operaio, l’immigrato non è nemico degli italiani, gli uomini non sono nemici delle donne. Ognuna di queste contraddizioni può essere affrontata e trattata nell’interesse della classe operaia e delle masse popolari - continuano - ma per farlo è necessario un governo che ne abbia la volontà politica, la forza e il coraggio. I lavoratori e le masse popolari possono imporre il loro governo se definiscono che questo è il loro obiettivo e si mobilitano per raggiungerlo. Grandi manifestazioni, scioperi, scontri con la polizia, ecc., sono positivi, ma non sono decisivi ai fini di questo discorso: è questa la lezione che traiamo anche dalle generose mobilitazioni francesi di questi tempi. L’essenziale è che si sviluppi nel paese una rete sempre più ampia di organismi operai e popolari che cominciano, con i mezzi di cui già dispongono, ad attuare le misure necessarie per far fronte agli effetti più urgenti della crisi, diventando così punto di riferimento delle masse popolari e fattore di spinta nella loro mobilitazione".
Martedì 18 febbraio 2020 alle 08:10:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Serricciolo?




















Chi è il miglior giocatore del Don Bosco Fossone?























Coronavirus, mascherina obbligatoria in Toscana. Tu sei d'accordo?

















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News