Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 10.31 del 20 Giugno 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Le associazioni di volontariato favoriscono il traffico di animali. Servono più controlli»

La vicenda di Rossano e Brenda scuote il presidente del consiglio Stefano Benedetti

«Le associazioni di volontariato favoriscono il traffico di animali. Servono più controlli»
Massa - Il Presidente del consiglio comunale, Stefano Benedetti, interviene sulla vicenda dei due cuccioli di Dogo Argentino scomparsi da Pariana e ritrovati in questi giorni a Rosignano grazie all'intervento dei Carabinieri. Anche Benedetti avrebbe partecipato alla ricerca dei due cuccioli rapiti, racconta lo stesso in un comunicato, e stando alla sua ricostruzione dei fatti la misteriosa vicenda è strettamente collegata «ad associazioni e personaggi che operano nel volontariato».

L'accusa, seppur velata, è molto pesante: «non significa che tutte le associazioni animaliste o gli stessi allevamenti operino fuori dalle regole, ma che intorno a questo mondo vi sono insidie e pericoli per gli animali che si possono sicuramente evitare tenendo alta l'attenzione e sensibilizzando i proprietari. Poi sarà necessario monitorare l'ambiente e tenerlo sotto controllo, cosa che possono fare anche le associazioni di volontariato in collaborazione con le Forze dell'Ordine e con le ex Guardie Forestali, diventate oggi Carabinieri, le stesse che si sono spese per il ritrovamento di Rossano e Brenda, infatti,senza il loro aiuto non sarebbe stato possibile ritrovare i due cani che nel frattempo erano già stati trasferiti a centinaia di chilometri di distanza».

Il Presidente del consiglio pare che la sappia lunga sull'argomento: «Intorno ai cani è emerso un mondo composto da guardie zoofile, canili privati e professionisti che collaborano tra di loro per creare le condizioni favorevoli al commercio clandestino degli stessi, però, a differenza del commercio di contrabbando dai paesi dell'est europeo, in questo caso i cuccioli vengono prelevati illegalmente dalle proprietà private e venduti per importi che variano dai 1000 ai 3000 euro. Insomma, una banda di trafficanti con collegamenti nazionali, che operano appunto con la complicità e la copertura di varie organizzazioni». Benedetti non fa i nomi delle associazioni che sarebbero coinvolte, ma coglie l'occasione per lanciare ufficialmente l'idea di costituire un'associazione animalista con «l'obiettivo di controllare il territorio e di mettere in campo tante iniziative di denunce e quant'altro, per prevenire i furti e la vendita di cuccioli rubati, ma non solo».
Martedì 11 giugno 2019 alle 13:06:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News