Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 08.03 del 21 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Il Ponte Trieste fa paura. Servono verifiche tecniche»

Dopo il crollo del viadotto di Genova, le preoccupazioni arrivano a Massa. A farsi portavoce di diversi cittadini i consiglieri di Forza Italia

INTERPELLANZA PARLAMENTARE
«Il Ponte Trieste fa paura. Servono verifiche tecniche»
Massa - «Egregio sindaco, dopo la grave disgrazia accaduta a Genova, nella quale hanno perso la vita numerose persone, alcuni cittadini fortemente preoccupati per le condizioni strutturali del Ponte Trieste, ci hanno interpellato chiedendoci di sensibilizzare l'amministrazione comunale affinché effettui una verifica della struttura portante in modo da garantire la massima sicurezza per l’incolumità pubblica» si apre così la richiesta firmata dal presidente del Consiglio comunale di Massa Stefano Benedetti e dai consiglieri di Forza Italia Giovanbattista Ronchieri e Sergio Bordigoni.

«Su questo ponte – proseguono – il consigliere Benedetti era già intervenuto diverse volte negli anni precedenti a partire dall’esposto presentato in data 21 novembre 2014 avente come oggetto: "Ipotesi di rischio crollo del ponte Trieste a Massa - Richiesta immediata di messa in sicurezza strutturale dello stesso". La risposta del Comune fu quella in data 14 aprile 2015, di aggiudicare i lavori alla ditta Guidi Gino Spa per un piccolo intervento. Infatti, a seguito di un cedimento fisiologico che procurava un lento ma inesorabile restringimento del Ponte con il serio rischio di crollo, si era reso necessario imbracarlo con dei montanti in metallo. Intervento a nostro avviso insufficiente per risolvere il problema, ma evidentemente l’amministrazione comunale dell’epoca aveva sottovalutato il problema, lasciandoci in eredità un ponte in condizione strutturale tale da preoccupare fortemente la popolazione».

«A distanza di tre anni – continuano i consiglieri azzurri – da quei lavori, non ci risulta che siano state effettuate verifiche della struttura, ma solo imposte una serie di prescrizioni, come il divieto di passaggio dei mezzi pesanti, che, francamente, preoccupa assai perché significa comunque che qualche problema e rischio in realtà esistono. Nel merito, la informiamo che a seguito di un sopralluogo effettuato da noi sulla parte alta e bassa del ponte, siamo rimasti perplessi per diversi motivi, prima di tutto dalle forti vibrazioni che si odono al passaggio delle auto e poi dalla condizione della parte bassa del ponte, ormai vecchia e obsoleta, da trasmettere una reale sensazione di pericolo e preoccupazione».

«Per quanto sopra – concludono – la interpelliamo per chiederle se non crede che sia indispensabile effettuare una ricognizione tecnica del ponte, magari da parte di un ingegnere civile esperto in costruzioni in cemento armato ed esterno al Comune, per verificarne la sicurezza ed eseguire un nuovo collaudo statico e dinamico che ci permetta di avere una situazione chiara sulle condizioni strutturali del ponte. La informiamo che nel merito sarà presentata anche una interpellanza parlamentare dall’onorevole Deborah Bergamini».
Giovedì 16 agosto 2018 alle 22:19:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News