Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 22.23 del 18 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Costi troppo alti per i depuratori. Inefficienza significa inquinamento»

Paolo Menchini, consigliere del M5s di Massa: «Si potrebbe risparmiare un 30% in più allineandoci agli altri gestori»

NON SOLO LAVELLO
«Costi troppo alti per i depuratori. Inefficienza significa inquinamento»
Massa - “La questione del Lavello sta mettendo in luce una serie di criticità che riguardano tutti i cittadini; certamente chi abita quella zona soffre oltremodo il disagio degli odori nauseabondi che a tratti è ben al di là della soglia di sopportazione, ma in ballo ci sono soprattutto la gestione della depurazione - i cui costi finiscono nella bolletta dell’acqua - e poi tutto l’aspetto sanitario.” Introduce così il consigliere del Movimento 5 Stelle di Massa, Paolo Menchini, la sua analisi di quanto emerso dalle prime audizioni della commissione Ambiente.

“Sapevo che i depuratori sono in emergenza a seguito della sentenza del Tar Lombardia che ha di fatto impedito il conferimento dei fanghi in agricoltura, ma un aspetto che mi ha particolarmente stupito sono i costi e l’inefficienza degli impianti. In Gaia vengono prodotte circa 2 mila tonnellate al mese di fanghi di depurazione, se questa fosse la media di tutti e sette i gestori della Toscana, il totale dovrebbe fare 14mila tonnellate e invece arriviamo appena a 9mila; è evidente che c’è un problema di produzione di fanghi in Gaia che in parte è spiegato dal fatto che per il loro trattamento, alcuni impianti, come il Lavello 1, usano ancora la nastro pressa anziché la più efficiente centrifuga. Facendo un conto a spanne, solo allineandoci all’efficienza degli altri gestori si potrebbe risparmiare circa un 30% e invece lo scenario prospettato è di un’ulteriore aumento. In questo quadro stupisce ancora di più venire a conoscenza che per i lavori di ammodernamento e potenziamento del depuratore Lavello 1 – lavori che dovrebbero concludersi verso febbraio del prossimo anno – non hanno previsto di sostituire la vecchia nastro pressa con una centrifuga.
Tutto questo ovviamente ha un prezzo, perché lo smaltimento dei fanghi ci costa più o meno 145 euro alla tonnellata - quasi 3milioni e mezzo di euro all’anno – ma la cifra, come detto, è destinata ad aumentare addirittura fino a 200 euro a tonnellata.”

“Inefficienza, in questo caso, fa rima con inquinamento” conclude il consigliere Menchini: “perché in quasi tutte le occasioni che Arpat ha fatto sopralluoghi nella zona Lavello - una ventina di volte dall’inizio dell’anno - ha sanzionato Gaia per sforamento dei livelli di azoto ammoniacale e azoto nitrico. Se da un lato questo problema si dovrebbe finalmente risolvere con i lavori al depuratore Lavello 1, per arrivare a soluzioni definitive ci sarà comunque da mettere in campo azioni più articolate”.
Martedì 4 settembre 2018 alle 10:06:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News